Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Symantec, ricerca finanziata dalla Commissione Europea

pittogramma Zerouno

Symantec, ricerca finanziata dalla Commissione Europea

21 Apr 2008

di ZeroUno

Symantec ha annunciato di aver ottenuto dalla Commissione Europea un finanziamento per la ricerca collaborativa nell’ambito delle minacce Internet. Il progetto di durata triennale, noto come Worldwide Observatory of Malicious Behaviours and Attack Threats (WOMBAT), si pone come obiettivo quello di mettere a punto nuovi mezzi per analizzare e comprendere le minacce presenti e future che minano l’economia e gli utenti della Rete. Il nuovo Symantec Research Lab – Europe che ha sede a Sophia Antinopolis nel Sud della Francia, collaborerà con il consorzio WOMBAT al fine di ottenere una migliore comprensione circa le tendenze dei codici maligni e delle minacce Internet.
Il progetto WOMBAT farà leva sul Global Intelligence Network, la rete mondiale di Symantec, analizzerà nuove tecnologie di sensori nei sistemi wireless e crawler, favorirà la cooperazione fra professionisti del settore, valuterà nuove tecniche per caratterizzare gli attacchi rilevati e svilupperà nuovi modelli in grado di fornire un supporto agli specialisti della sicurezza nella scelta delle contromisure più idonee a contrastare le minacce emergenti.
L’iniziativa WOMBAT segna il terzo progetto di ricerca a lungo termine dal 2004 per il quale Symantec ha ricevuto finanziamenti da parte della Commissione Europea a seguito a un processo di selezione altamente competitivo. Symantec sta inoltre collaborando con istituti di ricerca, società tecnologiche leader mondiali e provider di telecomunicazioni europei al progetto triennale AntiPhish della Commissione Europea; inoltre, ha di recente completato il progetto LOBSTER, durato ben 33 mesi, incentrato sulla protezione della sicurezza delle reti broadband europee, sempre per conto della Commissione Europea.

ZeroUno

Argomenti trattati

Approfondimenti

R
Rete

Articolo 1 di 5