Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Stonesoft e Magirus: insieme in Europa

pittogramma Zerouno

Stonesoft e Magirus: insieme in Europa

20 Gen 2009

di Nicoletta Boldrini

Nuovo accordo di distribuzione tra il provider di soluzioni integrate per la sicurezza e la business continuity e uno dei principali distributori di soluzioni It a livello europeo. Magirus porterà in Europa le soluzioni StoneGate. Sicurezza e virtualizzazione le parole chiave per entrambe le aziende

È di recente data l’annuncio di StoneSoft con il quale è stato reso noto l’ampliamento degli accordi stretti con Magirus. In virtù dei nuovi rapporti di partnership, la distribuzione delle soluzioni targate StoneSoft, in particolare del prodotto StoneGate, da parte di Magirus, verrà ampliata verso Gran Bretagna, Danimarca, Svezia, Olanda, Francia, Spagna, Portogallo e Medio Oriente, che vanno ad aggiungersi ai paesi già da tempo individuati per la vendita di queste tecnologie (Germania, Austria, Svizzera e Italia). 
“L’estensione della collaborazione con Magirus ci consente di rafforzare ulteriormente il nostro posizionamento sul mercato europeo nonché di arricchire i servizi di supporto destinati a partner e clienti”, dice Emilio Turani (nella foto in alto), country manager di Stonesoft Italia. “Magirus è attiva e riconosciuta un po’ in tutta Europa e può fare affidamento su una fitta rete di partner che, a mio avviso, rappresenta un plus nella strategia di approccio al mercato perché si traduce in presenza capillare sul territorio e in una efficiente segmentazione delle competenze, specifiche per settore o tipologia di progetto”.
Magirus, lo ricordiamo, è un distributore che offre soluzioni software e sistemi nelle aree Storage, Secure Networking, Sicurezza, Virtualizzazione, It management, Open Source e Information Lifecycle Management.
“Le soluzioni StoneGate trovano una buona collocazione nel nostro portafoglio d’offerta perché vanno ad inserirsi all’interno di un mercato in forte e costante crescita: parliamo degli ambiti della sicurezza e della virtualizzazione”, dice Primo Bonacina (nella foto), amministratore delegato di Magirus Italia. “Il nuovo accordo raggiunto con StoneSoft, dal nostro punto di vista, rappresenta un’opportunità, sia per noi che per il nostro ecosistema di partner, per ampliare le attività in un segmento altamente strategico come quello del networking sicuro virtualizzato”. Dello stesso parere Turani che interviene sottolineando come “La forte focalizzazione in tema di virtualizzazione e sicurezza It, ambiti in cui tutti gli analisti prevedono la maggior crescita in termini di investimento It da parte delle imprese nei prossimi anni, fanno di Magirus il distributore a valore aggiunto ideale StoneSoft”.
Oltre che ai partner specializzati in sicurezza, Magirus proporrà, infatti, le soluzioni StoneGate ai business partner specializzati in tema di virtualizzazione.
“I prodotti StoneGate garantiscono un collegamento e un’integrazione fra virtualizzazione e sicurezza”, spiega Turani. “Abbiamo per esempio una soluzione StoneGate specifica per la sicurezza degli ambienti VMware che include funzionalità di Firewall e IPS (Intrusion Prevention System) e permette l’implementazione di reti sicure e ad alta disponibilità sia negli ambienti virtuali che in quelli fisici”.
L’accordo rappresenta un tassello molto importante nella strategia di StoneSoft che punta a crescere sia in termini di fatturato che di presenza sul mercato. L’azienda opera principalmente nei settori Finance (25%), Pa Locale e Centrale (25%), Telco (35%), Industry and Manufacturing (15%). Il primo semestre 2008 la società ha registrato una crescita del 79% rispetto allo stesso periodo del 2007 grazie ad una forte spinta arrivata dalla Pa ma con l’estensione degli accordi con Magirus, StoneSoft punta alle aziende che vedono la virtualizzazione come scelta strategica fondamentale. “Saranno quindi i segmenti Finance e Telco quelli a cui guarderemo con più attenzione”, conclude Turani.

Nicoletta Boldrini

Giornalista

Articolo 1 di 5