Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

McAfee, nuovepiattaforme per la sicurezza di rete

pittogramma Zerouno

McAfee, nuovepiattaforme per la sicurezza di rete

15 Lug 2008

di Nicoletta Boldrini

Total protection for network offre protezione contro le intrusioni per e-mail
e Web in un’unica suite

MILANO – McAfee (www.mcafee.com) sta da tempo investendo risorse, economiche e umane, e tempo per “costruire” la sua immagine di fornitore per il mondo business e lo fa attraverso il concetto di “Total Protection”. Strategia che ha portato sul mercato diverse suite tecnologiche traslate dal mondo consumer come, per esempio, Total Protection for Small Business, un sistema all-in-one pensato per le PMI per la protezione contro virus, spam, hacker e furti di identità. Recentemente, Ombretta Comi, (nella foto a destra) marketing manager di McAfee Italia, ha presentato alla stampa Total Protection for Network, la nuova suite che unisce la Network Security Platform (che prima si chiamava IntruShield) con un Content Security Blade Server (per la gestione della sicurezza e-mail e Web). “La nuova suite risponde ad una esigenza specifica del mercato – spiega Comi. – Le grandi aziende stanno adottando reti ad alta velocità 10 Gigabit Ethernet perché devono operare in modo sempre più rapido e flessibile. Queste aziende hanno poi una forte attenzione all’aspetto della sicurezza e, in particolare, ai sistemi per la prevenzione delle intrusioni che devono tenere il passo con la velocità di queste reti veloci e fornire una sicurezza più efficiente”. La suite proposta da McAfee è pensata per aziende con più di mille dipendenti e la novità è la capacità di lavorare come un Ips in grado di proteggere reti aziendali che vanno a 10 Gbps all’interno delle quali è essenziale il mantenimento della business continuity. “La suite consente anche un risparmio in termini di costi perché può andare a sostituire appliance non integrate come i sistemi IPS/IDS, anti-Spam/anti-phishing, e-mail/malware/spyware, DoS/DDoS, filtering degli URL, sicurezza dell’instant messaging, ecc.”, precisa Comi.
Il Content Security Blade Server consente di scalare da 700.000 a 5 milioni di messaggi all’ora e 50.000 utenti web semplicemente aggiungendo altri blade. “Il blade server offre failover integrato e ridondanza, un resource manager incorporato che elimina la necessità di un bilanciatore di carico esterno e la possibilità di sostituire a caldo i blade”, precisa Comi.
La parte hardware della suite è firmata Hp.

Nicoletta Boldrini

Giornalista

Articolo 1 di 5