Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Kaspersky Lab brevetta una nuova tecnologia per combattere gli attacchi da remoto

pittogramma Zerouno

News

Kaspersky Lab brevetta una nuova tecnologia per combattere gli attacchi da remoto

28 Dic 2017

di Redazione

La tecnologia funziona analizzando l’attività dell’applicazione e ricercando un comportamento anomalo nel computer dell’utente, rilevando ogni correlazione tra le attività che si verificano sul computer e le loro cause ed è poi in grado di prendere decisioni sul da farsi

Per rilevare in modo efficiente ed efficace i programmi di controllo remoto (quei programmi che ottengono l’accesso come amministratore, dando ai criminali informatici la capacità di ottenere informazioni riservate sull’utente e permettendo loro di svolgere qualsiasi attività su quel computer), le soluzioni anti malware devono sfruttare sistemi complessi di behavioral protection. Ne è convinto Kaspersky Lab, che con il suo ultimo brevetto, ha ampliato le sue capacità in questo settore, tramite una nuova tecnologia in grado di rilevare applicazioni di controllo remoto, anche se eseguite su canali criptati.

Tale tecnologia funziona analizzando l’attività dell’applicazione e ricercando un comportamento anomalo nel computer dell’utente, rilevando ogni correlazione tra le attività che si verificano sul computer e le loro cause. Confrontando queste correlazioni con modelli di comportamento definiti, la tecnologia può quindi prendere una decisione sulla registrazione del computer di chi sta compiendo l’attacco da remoto. Può quindi capire se lo strumento di controllo remoto sia utilizzato tramite applicazioni sicure sconosciute o compromesse, o dei loro componenti.

A partire dal 2018, la nuova tecnologia brevettata diventerà parte della soluzione Kaspersky Anti Targeted Attack. Kaspersky Anti Targeted Attack fa parte dell’offerta di Kaspersky Lab per la sicurezza aziendale, che copre diverse aree della sicurezza IT come la protezione degli endpoint, la protezione DDoS, la sicurezza in-the-cloud, la difesa avanzata dalle minacce e i servizi di cybersecurity.

“Il rilevamento di attacchi remote control su canali criptati è fondamentale per la protezione dagli attacchi mirati, in quanto questa rappresenta la fase iniziale degli attacchi. Gli strumenti di controllo remoto vengono distribuiti all’interno della rete durante la ricerca e il furto dei dati. Ecco perché è importante essere in grado di rilevarli fin dall’inizio. Questa tecnologia permetterà agli agenti di sicurezza di prevenire gli incidenti contro i quali i precedenti livelli di protezione non hanno funzionato” ha commentato Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Personaggi

Morten Lehn

Approfondimenti

C
Cloud Security
D
Ddos
Kaspersky Lab brevetta una nuova tecnologia per combattere gli attacchi da remoto

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 5