Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Gateway Xcs, sicurezza enterprise da WatchGuard

pittogramma Zerouno

Gateway Xcs, sicurezza enterprise da WatchGuard

22 Nov 2013

di Redazione

Con la versione 10, la soluzione per la protezione di web e mail aggiunge il supporto Microsoft Hiper-V, espande le capacità IPv6 e apporta miglioramenti alla gestione di policy personalizzate.

La versione 10 di Xcs, il sistema operativo dell’appliance per la sicurezza per email e web sviluppato da WatchGuard Technologies, aggiunge il supporto per Microsoft Hyper-V, il supporto IPv6 e le funzionalità di antispam in uscita, con l’obiettivo di semplificare l’implementazione e la gestione delle strategie di sicurezza dei contenuti per le piccole, medie e grandi enterprise. Con capacità di data loss prevention, la piattaforma fornisce protezione da minacce web-based e presenti nelle email, inclusi spam, virus, siti compromessi, minacce nascoste e attacchi alla rete.
“Email e web sono due delle applicazioni enterprise più comunemente virtualizzate e la capacità di proteggerle all’interno dello stesso cloud o ambiente virtualizzato dà alle organizzazioni It una maggiore flessibilità e continuità del servizio – spiega Fabrizio Croce, ‎Area Director South Europe, Middle East and Africa di WatchGuard Technologies -. Grazie a WatchGuard Xcs 10 è possibile avvalersi di funzioni di sicurezza best-of-breed (antivirus, anti-spam, anti-pishing, anti-malware, data loss prevention, email encryption e altro ancora) e allineare le policy di security dei contenuti attraverso queste piattaforme virtualizzate”.
Tra le funzionalità di punta della release 10, il nuovo supporto IPv6 consente alle organizzazioni di applicare strumenti di controllo della sicurezza delle loro email quando migrano a IPv6 o ambienti di indirizzamento misto. Con la crescita di device IPv6 e molte aree nel mondo che stanno esaurendo (Asia) o sono a corto di indirizzi IPv4, infatti, il passaggio a IPv6 è in crescita e secondo Gartner, gli hacker si focalizzeranno nello scoprire le vulnerabilità di IPv6, sarà quindi necessario attuare misure preventive.

Inoltre, con la proliferazione del Byod e l’accesso alla rete di utenti ospiti, le organizzazioni It devono attendersi attacchi provenienti non solo dall’esterno dell’azienda. Per questo, Xcs 10 ora include controlli antispam in uscita per pulire email in outbound e aiutare a preservare la corporate reputation.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
Antivirus
B
Byod
H
hacker
M
Malware
R
Rete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 3