Sicurezza informatica: ecco il nuovo centro operativo Acronis per l'EMEA | ZeroUno

Sicurezza informatica: ecco il nuovo centro operativo Acronis per l’EMEA

pittogramma Zerouno

News

Sicurezza informatica: ecco il nuovo centro operativo Acronis per l’EMEA

Il CPOC (Cyber Protection Operation Center) dell’azienda aperto in Svizzera offrirà servizi di protezione, monitoraggio e analisi continua delle minacce informatiche

10 Set 2020

di Redazione

Malgrado il costante progresso dei sistemi di protezione, il numero delle violazioni ai dati e degli incidenti di sicurezza informatica è in aumento. Gli attacchi ransomware, che rappresentano la più consistente minaccia informatica in circolazione, diventano ogni giorno più complessi. Secondo i dati dei CPOC Acronis, dal confronto tra la seconda metà del 2019 e la prima metà del 2020 emerge un aumento del 18% degli attacchi ransomware riferiti.

La rete dei CPOC internazionali per la sicurezza informatica di Acronis

Grazie all’esclusivo approccio integrato e all’esperienza internazionale, il nuovo CPOC di Schaffhausen si prospetta come centro di comando per l’area EMEA.

“Alle aziende – ha dichiarato Candid Wüest, Responsabile del nuovo centro operativo Acronis Cyber Protection, presso il quale operano esperti internazionali altamente qualificati che, grazie a strumenti innovativi, individuano, analizzano e reagiscono agli incidenti in fase precoce – occorre un approccio integrato che garantisca una protezione informatica semplificata, efficiente, affidabile e sicura, per tutti i dati, le applicazioni e i sistemi e che si fondi sui cinque vettori SAPAS della cyber protection: Salvaguardia, Accessibilità, Privacy, Autenticità e Sicurezza.”

WHITEPAPER
Quali sono stati i casi di cybercrime più aggressivi degli ultimi anni? Scoprilo nel white paper
Cybersecurity

Attualmente nei COPC Acronis lavorano 33 esperti di tutto il mondo, ma l’azienda sta pianificando l’assunzione di altro personale nei prossimi anni.

Il nuovo CPOC svizzero aiuterà gli oltre 500 ingegneri di Acronis a fronteggiare le minacce più recenti con modalità di rilevamento degli attacchi automatizzate e basate su intelligenza artificiale e machine learning. I risultati verranno utilizzati per migliorare prodotti quali Acronis Cyber Protect Cloud, una soluzione unica che integra backup, protezione anti-malware di nuova generazione per l’intero stack e strumenti completi per la gestione degli endpoint.

Le conoscenze maturate dagli esperti del centro operativo CPOC contribuiranno allo sviluppo di soluzioni all’avanguardia per l’ecosistema Acronis. Il nuovo centro invierà avvisi quotidiani sulle minacce informatiche, sulle potenziali calamità naturali e sui nuovi piani di protezione per i clienti. Inoltre, analizzerà e verificherà le vulnerabilità del software per garantire che i moduli di valutazione delle vulnerabilità e di gestione delle patch distribuiscano in automatico le necessarie correzioni.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
Backup
R
Ransomware
Sicurezza informatica: ecco il nuovo centro operativo Acronis per l’EMEA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4