Pwn2Own 2022, i risultati annunciati da Trend Micro

pittogramma Zerouno

News

Pwn2Own 2022, i risultati annunciati da Trend Micro

In occasione dell’evento, sono stati assegnati 1.155.000 dollari ai ricercatori del settore a fronte di 25 vulnerabilità zero-day scoperte e divulgate ai vendor di software. Tra questi i partner Microsoft, Tesla, Zoom e lo sponsor VMware

10 Giu 2022

di Redazione

Trend Micro ha annunciato i risultati di Pwn2Own 2022, la sua competizione annuale di hacking.

In occasione del 15° anniversario, 1.155.000$ sono stati assegnati ai ricercatori del settore a fronte di 25 vulnerabilità zero-day scoperte e divulgate ai vendor di software. Tra questi i partner Microsoft, Tesla, Zoom e lo sponsor VMware.

L’evento Pwn2Own incoraggia i migliori ricercatori di vulnerabilità di tutto il mondo a trovare nuove criticità nelle applicazioni più utilizzate e permettere così ai vendor di correggerle prima che i criminali possano sfruttarle. I software in target sono scelti per supportare la ricerca nelle aree più critiche, per le aziende e gli individui, a livello globale.

“Il lavoro a distanza – afferma Lisa Dolcini, Head of Marketing di Trend Micro Italia – è un trend ormai consolidato e i veicoli elettrici prenderanno sempre più piede, per citare due esempi. Come Trend Micro, vogliamo garantire che i software alla base dei dispositivi che utilizziamo maggiormente oggi siano sicuri, indipendentemente da dove si trovano. L’intelligence sulle minacce che otteniamo grazie a Pwn2Own è inestimabile, non solo per noi e i nostri clienti, ma per l’intera comunità cyber e chiunque utilizzi un dispositivo IT”.

La Trend Micro Zero Day Initiative, responsabile dell’hackaton, collabora con i vendor per avere un impatto ancora maggiore sull’intero panonorama cyber.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 4