Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Telecom Italia dà vita alle idee imprenditoriali

pittogramma Zerouno

Telecom Italia dà vita alle idee imprenditoriali

23 Apr 2009

di Gian Carlo Laghi

Telecom Italia scende in campo con un progetto denominato "working capital" per aiutare aziende e imprenditori a realizzare  idee e iniziative. In una sorta di venture capital, Telecom mette a disposizione infrastrutture e competenze nell’area del web 2.0

MILANO – Sono scesi in pista enti pubblici e organizzazioni private ma in Italia sui processi di incubazione e di venture capital hanno fallito un po’ tutti, quanto meno rispetto a quelle che erano le premesse iniziali e le ambizioni in gioco. E così l’Italia, anche in questo settore di attività, è rimasta al palo se comparata ai risultati, magari non eclatanti ultimamente ma pur sempre di riguardo, ottenuti all’estero. Il cattivo rapporto tra imprese (incluso il sistema bancario) e le Università spiega in parte, ma solo in parte, i cattivi risultati. Neanche la discesa in campo dei manager a fianco dei “nativi digitali” ha sortito effetti significativi.Nelle iniziative di incubazione di nuove imprese, era infatti in atto un trend crescente di coinvolgimento dei manager privati da parte dei cosiddetti “ luoghi di produzione della conoscenza”, in particolare le Università, con la benedizione delle istituzioni a cui fanno riferimento i vari incubatori sul territorio nazionale.
Ma anche questo orientamento alla collaborazione tra attori complementari, nato dalla consapevolezza delle difficoltà insorgenti ogni volta che i luoghi di produzione della conoscenza dovevano farsi carico del ruolo meno connaturato di project manager nell’implementazione sul mercato competitivo degli obiettivi dell’impresa nascente, è riuscito a prevalere. Qualcosa di buono c’è stato ma poca cosa.  Per trovare dei riscontri di una certa rilevanza bisogna risalire ai tempi di Elserino Piol e dei fondi Kiwi.
Questa situazione non ha comunque spaventato Telecom Italia che proprio in un momento critico come l’attuale è giustamente scesa in campo con una sua iniziativa, denominata “Working Capital”, attraverso cui mette a disposizione di chi vuole avventurarsi nella giungla web 2.0 e aree limitrofe, risorse finanziarie e tecniche.
Non solo l’infrastruttura ma anche le sue competenze. Almeno questa è la promessa di Franco Bernabè, amministratore delegato della società. “Siamo dell’opinione che la new economy non sia stata sepolta dalla bolla; può ritrovare una sua ragion d’essere e rimettersi in piedi. Ho motivo di ritenere che nel nostro Paese ci siano le competenze umane e tecniche per fare un buon lavoro. Ci sono giovani con idee, animati da molta voglia di fare. È il sistema che non li aiuta, li tiene ai margini del mondo economico e imprenditoriale. In fin dei conti siamo dei conservatori. Tutto quello che è in declino viene mantenuto, quello che emerge di nuovo viene respinto. Si tratta di infrangere questo stato di cose e noi di Telecom Italia lo stiamo facendo sperando di essere imitati da altri”.
Working Capital nasce con l’idea di rilanciare l’innovazione tecnologica in Italia e si avvale di un investimento complessivo pari a 5 milioni di euro in due anni. In concreto, un comitato composto dal top management di Telecom Italia e da esperti del settore individua ed esamina idee e progetti d’impresa riconducibili al web 2.0 e “alla nuova Internet”. Le migliori idee, tra quelle che verranno proposte anche attraverso il sito www.workingcapital.telecomitalia.it, potranno usufruire delle infrastrutture evolute e del know-how tecnologico di Telecom Italia che, nel progetto, diventa partner tecnologico e socio.
Tra contratti di investimento e di incubazione, le due formule previste per l’accesso ai fondi, gli ideatori del progetto programmano di far decollare 30-35 iniziative imprenditoriali entro il 2010. Speriamo! Ce n’è bisogno!

Gian Carlo Laghi

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
Competenze
I
Intelligenza Artificiale

Articolo 1 di 5