Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

La collaborazione tra Ibm Watson e Cisco Spark

pittogramma Zerouno

La collaborazione tra Ibm Watson e Cisco Spark

19 Lug 2016

di Redazione

Le due aziende stanno lavorando insieme per ottimizzare la produttività delle aziende utenti e promuovere nuove metodologie di lavoro.

Ibm e Cisco mettono a fattor comune le proprie tecnologie per trasformare le modalità di lavoro e collaboration. Nell’ambito di tale trasformazione, le piattaforme collaborative a elevata sicurezza Cisco Spark e WebEx verranno integrate nelle soluzioni di collaborazione cloud di Ibm, fra cui Verse e Connections, supportate dalle capacità di cognitive computing di Ibm.

Più nello specifico, l’obiettivo delle due aziende è agevolare la cooperazione combinando le analisi avanzate, le funzionalità di Watson e le offerte social e di messaggistica email di Ibm con le soluzioni di collaboration di Cisco, incluse messaggistica aziendale e offerte per meeting e chiamate. Insieme, Ibm e Cisco studieranno soluzioni congiunte progettate per sfruttare al meglio tutti i tipi di dati (strutturati e non, da sorgenti locali fisiche, desktop o cloud), aiutando i professionisti a fare di più, in meno tempo. Ciò sarà possibile fornendo le informazioni giuste nel contesto giusto, tramite strumenti, applicazioni, documenti o azioni richiesti in un dato momento, secondo le esigenze specifiche del ruolo, del percorso professionale e degli incarichi di ciascun dipendente.
“La grande massa di strumenti di lavoro oggi disponibili – ha spiegato Inhi Cho, General Manager, Ibm Collaboration Solutions – rischia di ridurre l’efficienza dei dipendenti. Grazie alla combinazione dei nostri punti di forza tecnologici e alla comprensione delle modalità operative dei team, Ibm e Cisco potranno fornire la nuova generazione di strumenti di collaboration necessari per stimolare l’innovazione e orientare la produttività. Attraverso l’inclusione delle analisi e delle tecnologie cognitive, puntiamo a rendere queste soluzioni capaci di apprendere tutti gli elementi importanti in un dato contesto, ed eseguire le azioni più idonee per conto dell’utente”. “La mission di Cisco – ha affermato Jens Meggers, Senior Vice President e General Manager, Cisco Cloud Collaboration Technology – è innovare e migliorare costantemente le esperienze di collaboration, e questo è il momento ideale per portare le nostre offerte a un livello superiore.
Questo è il nostro obiettivo: pensare in modo esponenziale, e insieme a Ibm, dare vita alla nuova era del lavoro collaborativo. Oggi siamo in grado di fornire un’entusiasmante ‘collaborazione intelligente’ di nuova generazione che consente alle aziende di competere in un mondo digitale sempre più dinamico”.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
Collaboration
E
Efficienza
S
Social Network
La collaborazione tra Ibm Watson e Cisco Spark

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4