Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Hp è la prima azienda a rilasciare prodotti adeguati al nuovo standard Ieee

pittogramma Zerouno

Hp è la prima azienda a rilasciare prodotti adeguati al nuovo standard Ieee

21 Dic 2010

di ZeroUno

Hp ha annunciato di essere la prima azienda a rilasciare prodotti basati su un nuovo standard Ethernet ad elevata efficienza energetica (al cui sviluppo ha contribuito direttamente) che consente ai clienti di ridurre consumi di energia e costi operativi delle apparecchiature It.
Lo standard Ieee Energy Efficient Ethernet (Ieee 802.3az) diminuisce il consumo energetico dei dispositivi regolando automaticamente l’uso di elettricità in base all’effettivo traffico di rete fra switch e altri apparati in tempo reale.

I nuovi moduli Hp E-Series zl sono i primi switch con abilitazione Ieee ad entrare in “modalità sleep” quando, connessi ai dispositivi Eee, non rilevano la trasmissione di traffico. Durante i periodi di bassa attività entrano in una modalità che assorbe meno energia rispetto allo stato di inattività in condizioni di normale alimentazione, ma consente ai dispositivi connessi di riprendere istantaneamente il funzionamento nel momento in cui avviene una trasmissione di dati. Grazie all’implementazione di questo standard, i clienti beneficiano di consumi energetici inferiori, sia per i dispositivi switch, sia per l’end-point, riducendo il total cost of ownership fino al 51% (secondo la pubblicazione "Hp E5400 zl and E8200 zl Switch Series: Competitive Performance, Power Consumption and TCO Evaluation Versus Cisco Catalyst 3750-X and 4500 Series” Novembre 2010).
Ciò consente notevoli risparmi di energia rispetto agli switch tradizionali, che offrono invece una correlazione limitata fra consumo energetico e flusso del traffico effettivo.

Dato che la gran parte dell’attività di networking è soggetta a carichi non omogenei, le apparecchiature di rete sono una piattaforma ideale per una struttura basata sugli standard Energy Efficient Ethernet che regola il consumo sulla base del traffico del network. In futuro, lo standard Ieee Energy Efficient Ethernet sarà utilizzato su più dispositivi, inclusi server, laptop e access-point wireless. Ciò ridurrà ulteriormente il consumo energetico e, di conseguenza, diminuirà i costi It dell’azienda.
Hp guida lo sviluppo e collabora con centinaia di forum e gruppi di lavoro di settore, assicurando la flessibilità e l’interoperabilità delle soluzioni Hp Networking e consentendo ai clienti di conseguire maggiore valore di business dai loro investimenti nelle infrastrutture It senza essere legati a soluzioni proprietarie.

Un esempio concreto
Il College of Oceanic and Atmospheric Sciences presso la Oregon State University è uno dei principali istituti di ricerca oceanografica degli Stati Uniti, sia per l’impatto dei suoi contributi scientifici, sia per il ruolo di leadership che riveste nei programmi finalizzati allo studio degli oceani e del clima. Il loro impegnativo ambiente di rete richiede nuove tecnologie che aumentano le prestazioni e la densità del network, migliorando l’efficienza energetica.
“Il nuovo switch Ethernet di Hp ci ha permesso di potenziare i nostri servizi core di elaborazione e storage e di ridurre al tempo stesso i costi energetici. La capacità del nostro sistema 10G è raddoppiata, senza downtime", ha affermato Chuck Sears, manager, Research Computing, College of Oceanic and Atmospheric Sciences, Oregon State University. “Grazie ai nuovi moduli Hp, la nostra infrastruttura di rete è più agile e fornisce ai ricercatori più banda, pur richiedendo meno spazio fisico e consumando meno energia".

Il networking è un componente chiave della strategia Hp Converged Infrastructure che abilita la Instant-On Enterprise. In un mondo sempre connesso, l’Instant-On Enterprise integra la tecnologia in ogni operazione per soddisfare in modo istantaneo le esigenze di clienti, dipendenti, partner e cittadini.

ZeroUno

Articolo 1 di 5