Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Sinergy si propone come Spoc

pittogramma Zerouno

Sinergy si propone come Spoc

08 Feb 2010

di Nicoletta Boldrini

Significa Single Point Of Contact e tradotto in pratica significa avere un unico interlocutore di riferimento per tutte le problematiche relative agli ambienti infrastrutturali It. Con una filosofia di fondo: la flessibilità. Nella foto Andrea Navalesi, amministratore di Sinergy

Flessibilità, bilanciamento tra investimento e ritorno dell’investimento, gestione e controllo del data center, sicurezza. Sono questi i principi su cui si fonda l’offerta di Sinergy  in ambito data center dove la flessibilità è un aspetto trasversale che coinvolge sì gli ambienti infrastrutturali ma riguarda anche l’offerta dei servizi, compresi i managed services, e l’organizzazione stessa della società.
Cosa significa? Ce lo spiega l’amministratore Andrea Navalesi. “I nostri Flexible Managed Services (Fms) – esordisce Navalesi – sono una serie di servizi che pur essendo preconfigurati risultano del tutto flessibili e ci consentono di gestire tutte le variabili che caratterizzano le reali esigenze delle aziende nostre utenti”.
Per fare un esempio concreto, Sinergy è in grado di sfruttare lo strumento di help desk che il cliente ha già in casa per erogare i propri servizi, offrendo quindi all’azienda un servizio gestito senza dover modificare le tecnologie già esistenti o appoggiarsi a infrastrutture altrui.
Attivabili singolarmente, in modo integrato o “rivisti” sulle basi delle necessità singole, tali servizi consentono interventi che possono arrivare a vere e proprie riorganizzazioni di intere architetture che garantiscono la piena interoperabilità fra componenti e reparti.
E accanto al concetto di flessibilità, quando si parla di servizi di controllo e gestione degli ambienti data center, è con l’acronimo Spoc che Sinergy rafforza la propria proposta. “Significa Single Point Of Contact (Spoc) – afferma Navalesi – vuol dire che intendiamo proporci come interlocutore unico per tutte le problematiche inerenti gli ambienti infrastrutturali It (a livello di hardware), fino a liberare l’azienda cliente anche dall’incombenza della gestione dei fornitori”.

Nicoletta Boldrini

Giornalista

Argomenti trattati

Approfondimenti

D
Data Center
H
Hardware

Articolo 1 di 5