Sinergy si propone come Spoc | ZeroUno

Sinergy si propone come Spoc

pittogramma Zerouno

Sinergy si propone come Spoc

Significa Single Point Of Contact e tradotto in pratica significa avere un unico interlocutore di riferimento per tutte le problematiche relative agli ambienti infrastrutturali It. Con una filosofia di fondo: la flessibilità. Nella foto Andrea Navalesi, amministratore di Sinergy

08 Feb 2010

di Nicoletta Boldrini

Flessibilità, bilanciamento tra investimento e ritorno dell’investimento, gestione e controllo del data center, sicurezza. Sono questi i principi su cui si fonda l’offerta di Sinergy  in ambito data center dove la flessibilità è un aspetto trasversale che coinvolge sì gli ambienti infrastrutturali ma riguarda anche l’offerta dei servizi, compresi i managed services, e l’organizzazione stessa della società.
Cosa significa? Ce lo spiega l’amministratore Andrea Navalesi. “I nostri Flexible Managed Services (Fms) – esordisce Navalesi – sono una serie di servizi che pur essendo preconfigurati risultano del tutto flessibili e ci consentono di gestire tutte le variabili che caratterizzano le reali esigenze delle aziende nostre utenti”.
Per fare un esempio concreto, Sinergy è in grado di sfruttare lo strumento di help desk che il cliente ha già in casa per erogare i propri servizi, offrendo quindi all’azienda un servizio gestito senza dover modificare le tecnologie già esistenti o appoggiarsi a infrastrutture altrui.
Attivabili singolarmente, in modo integrato o “rivisti” sulle basi delle necessità singole, tali servizi consentono interventi che possono arrivare a vere e proprie riorganizzazioni di intere architetture che garantiscono la piena interoperabilità fra componenti e reparti.
E accanto al concetto di flessibilità, quando si parla di servizi di controllo e gestione degli ambienti data center, è con l’acronimo Spoc che Sinergy rafforza la propria proposta. “Significa Single Point Of Contact (Spoc) – afferma Navalesi – vuol dire che intendiamo proporci come interlocutore unico per tutte le problematiche inerenti gli ambienti infrastrutturali It (a livello di hardware), fino a liberare l’azienda cliente anche dall’incombenza della gestione dei fornitori”.

Nicoletta Boldrini

giornalista

Segue da molti anni le novità e gli impatti dell'Information Technology e, più recentemente, delle tecnologie esponenziali sulle aziende e sul loro modo di "fare business", nonché sulle persone e la società. Il suo motto: sempre in marcia a caccia di innovazione #Hunting4Innovation

Argomenti trattati

Approfondimenti

H
Hardware
Sinergy si propone come Spoc

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 2