Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

A Mario Derba la responsabilità di software e soluzioni di Hp Italia

pittogramma Zerouno

A Mario Derba la responsabilità di software e soluzioni di Hp Italia

21 Gen 2009

di Riccardo Cervelli

Cambio al vertice della divisione Software & Solutions di Hp Italia, che fa parte della Business Unit Technology. Il nuovo country manager Software & Solutions della filiale italiana del colosso It è Mario Derba, classe 1959, nato a Pisa e laureato in ingegneria elettronica all’Università di Bologna. Fino al mese di luglio 2008 è stato amministratore delegato di Microsoft Italia, azienda in cui era entrato nel 2005 come capo della divisione Enterprise & Partner Group (Epg). Precedentemente, però, ha lavorato in Ibm, dove è entrato nel 1984 e ha svolto una brillante carriera  nell’ambito del settore marketing e vendite, fino a diventare, nel 2003, Partner della divisione servizi professionali It dedicata ai progetti di consulenza e system integration per i clienti del Settore Industriale della regione Sud Europa.
Questa nomina si inserisce nella strategia di rafforzamento dell’area software che Hp ha intrapreso negli ultimi anni e che si è concretizzata anche nelle acquisizioni di Mercury, Opsware fino a Tower Software. La struttura affidata a Derba integra in un’unica organizzazione sia i team di vendita e consulenza sui prodotti software sia quelli degli specialisti dedicati a realizzare le attività progettuali ad esse associate. Nel suo nuovo incarico, Derba riporta direttamente a Luigi Freguia, amministratore delegato di Hp Italia.

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Articolo 1 di 5