Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

TeamSystem: consolidare lo storico e guardare alle novità

pittogramma Zerouno

TeamSystem: consolidare lo storico e guardare alle novità

06 Mag 2009

di Riccardo Cervelli

Entrare in nuovi mercati, consolidare quelli esistenti, fidelizzare la clientela, capitalizzare su un brand forte e fare squadra. Sono le parole d’ordine della strategia TeamSystem

RICCIONE – È al Palazzo dei Congressi di Riccione che TeamSystem (www.teamsystem.com) ha dato appuntamento ai suoi partner e alla stampa specializzata per la sua annuale convention. Che non è stata avara di novità di prodotti, servizi e numeri. Partiamo da questi ultimi. “Nel 2008 – ha esordito Federico Leproux (foto in alto), direttore generale della software house pesarese – il gruppo ha realizzato un fatturato di 192 milioni di euro. Più precisamente, TeamSystem ha generato un giro d’affari di 113 milioni; Euroconference (che si occupa di formazione in materia giuridica, amministrativa e fiscale dei professionisti) 11 milioni con 40 addetti mentre Lince (focalizzata sulle attività di investigazione e fornisce informazioni commerciali sulle imprese), 68 milioni. Considerando solo il perimetro TeamSystem-Euroconference, nel 2008 abbiamo registrato una crescita del 13% con un aumento importante del numero dei clienti”.
La strategia recente di TeamSystem ha mirato ad ampliare la presenza nel mondo dei professionisti aggiungendo, in particolare, gli studi legali. Sulla penetrazione nel mercato degli avvocati l’acceleratore è spinto al massimo per cogliere tutte le opportunità offerte dall’avvio, in alcune città, degli invii telematici ai tribunali, cui si aggiungerà, entro la fine dell’anno, l’entrata in funzione delle notifiche telematiche, per arrivare, entro il 2011, all’istituzione del processo civile telematico.
Parallelamente, TeamSystem ha puntato i propri mirini anche in altre direzioni. “Il nostro obiettivo principale – ha sottolineato Leproux -è continuare a lavorare al meglio sui segmenti storici e creare nuovi segmenti potenziali”. Nel perseguire questa politica, la società è convinta di poter contare su un mercato più stabile di altri. “È vero: le prospettive dell’economia non sono buone. Ma se molte aziende stanno più attente che in passato e tagliano le spese correnti, molte altre aumentano i budget It”.
Stefano Matera (nella foto), direttore commerciale canale indiretto, marketing ed education, ha aggiunto che “è nostro compito evangelizzare i clienti e aiutarli a capire che l’innovazione è la sola leva che permette di rendere più flessibili i processi, diventare più competitivi, sviluppare nuovi prodotti”. Se alle parole devono seguire i fatti, ecco che TeamSystem mette in mano ai propri partner nuove soluzioni per approcciare nuovi mercati. Si parte, per esempio, da una nuova versione Start del software Gecom per i commercialisti, adatta ai piccolissimi studi; all’integrazione nell’Erp Gamma Enterprise delle funzionalità di progettazione, gestione delle distinte basi e Cad-Cam ottenute con l’acquisizione della specialista Novamacut.
Ma le due novità maggiori sono il lancio di Facile09 e di Con.Te. Il primo è un gestionale monoutenza per la microimpresa (artigiani, associazioni etc.) che s’installa on-premise o in versione SaaS ed è in grado di stampare il primo documento in cinque minuti. I clienti pagano un canone mensile di 30 euro. “A ogni cliente è associato, anche in automatico dal nostro sistema nel caso di acquisto via Web – spiega Matera – un nostro partner di prossimità. Questo potrà essere chiamato in causa, per esempio, per aiutare il cliente a disegnare una rete o per fare assistenza. Solo questo partner potrà, in futuro, vendere a questo utente un gestionale più sofisticato”.
Con.Te, invece, è una soluzione che gestisce gli invii telematici e che è in grado di automatizzare la riconciliazione di tutti gli invii con le ricevute di ritorno, mostrando la situazione di ogni pratica in modo intuitivo.

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Articolo 1 di 5