Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

At&t utilizza Ibm MobileFirst per lo sviluppo delle app

pittogramma Zerouno

At&t utilizza Ibm MobileFirst per lo sviluppo delle app

01 Mar 2013

di Redazione

Dal riconoscimento vocale ai pagamenti via smartphone, la soluzione di Big Blue permette di creare applicazioni mobile per migliorare la customer experience

Grazie alla partnership estesa con Ibm, gli sviluppatori software di At&t avranno a disposizione una serie di nuovi strumenti per creare app mobile di nuova generazione, che prevedono anche funzionalità avanzate di riconoscimento vocale e pagamento tramite telefonino.

Il colosso delle Tlc, infatti, amplia le funzionalità di rete su una vasta gamma di piattaforme di sviluppo: tra queste, Ibm Worklight, che fa parte del portafoglio MobileFirst di Big Blue, è una tecnologia aperta e completa per la progettazione di applicazioni destinate a tablet e smartphone.

In dettaglio, grazie ai connettori che supportano l’ecosistema di Api della compagnia telefonica, la soluzione consentirà agli oltre 31.000 membri dell’At&t Developer Program di creare rapidamente e rilasciare in modo sicuro app “business-ready” su una varietà di piattaforme, tra cui iOS, Android e Windows. In questo modo, i clienti potranno beneficiare di una nuova customer experience, tesa a soddisfare la crescente domanda di un rapido accesso a servizi e applicazioni innovative.

“Siamo impegnati a promuovere il successo della nostra community di sviluppatori in rapida crescita – spiega Carlton Hill, vice president, developer services di At&t -. Ampliando la portata della nostra piattaforma e mettendo a disposizione il nostro toolkit di Api a un maggiore numero di piattaforme, inclusa Ibm Worklight, i nostri progettisti dispongono delle informazioni, degli strumenti e delle risorse per continuare a contribuire all’ecosistema mobile in modi nuovi”.

Tra le opportunità supportate dai connettori Worklight, oltre ai pagamenti mobile personalizzabili, anche la possibilità di utilizzare le funzionalità voicemail-to-text per tradurre i messaggi vocali e quindi inviare gli appunti vocali ad un’area centralizzata, visibile a tutti i componenti di un gruppo, così come una comunicazione più efficiente tramite sms per dialogare con i clienti, presentare ordini e controllare lo stato delle consegne.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

At&t utilizza Ibm MobileFirst per lo sviluppo delle app

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 5