Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Workday arriva in Italia, ecco i plus della sua offerta ERP in cloud

pittogramma Zerouno

Attualità

Workday arriva in Italia, ecco i plus della sua offerta ERP in cloud

17 Apr 2018

di Paola Capoferro

La società californiana mette a disposizione un sistema unico in cloud che ottimizza i processi operativi in ambito finance e human resource; la base tecnologica è adattativa e flessibile per rispondere rapidamente alla crescita e ai cambiamenti delle aziende utenti

Con l’arrivo in Italia, Workday, fornitore di soluzioni ERP in cloud in ambito finance e human resource, ha esteso la propria presenza a 15 Paesi dell’area Emea. La software house originaria di Pleasanton (California) è infatti attiva in Europa in Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Norvegia, Paesi Bassi, Regno Unito, Sudafrica, Spagna, Svezia e Svizzera e, con la recente apertura, anche a Milano.

“Apriamo una sede in un nuovo Paese solo quando siamo sicuri di poter portare valore e supportare le aziende al meglio nel loro percorso di trasformazione digitale. Il punto di partenza è la creazione di un solido ecosistema: l’Italia secondo noi è pronta. Già oltre 450 aziende globali hanno adottato Workday (tra cui AstraZeneca, Sanofi e l’italiana Yoox Net-A-Porter) e i partner locali ci supportano e vivono insieme a noi con entusiasmo questo nuovo capitolo della nostra storia”, ha raccontato alla stampa Javier Moreira, Vice President Sales, Continental Europe di Workday, in occasione della conferenza stampa di presentazione della filiale italiana.

Attualmente vi sono circa 2.100 utenti Workday a livello mondiale, si tratta di aziende di diverse dimensioni, da quelle medie alle Fortune 50 e il numero è in continua crescita.

“La nostra soluzione – ha spiegato Gonzalo Benedit, presidente Emea e Asia-Pacifico-Giappone della società illustrando la piattaforma Workday – ha un’interfaccia utente intuitiva e facile da usare, e il sistema funziona in modo trasparente, secondo la logica ‘unica piattaforma, unica interfaccia’. Ci chiedono spesso che cosa ci rende unici, e io rispondo sempre la grande connessione e la passione”.

“Per noi è importante ascoltare i clienti e le loro storie – ha spiegato Benedit -. È questo il punto forte della nostra relazione con loro, per arrivare a raggiungere l’obiettivo finale: mantenere un loro grado di soddisfazione del 98%, così confermano le nostre rilevazioni. Altro elemento cardine sono le persone: sono i nostri dipendenti, infatti, a interagire quotidianamente con i clienti, sono l’ultimo miglio per trasferire il nostro valore. E, infine, c’è la tecnologia, la nostra piattaforma che rende il business digitale”.

Le organizzazioni che hanno adottato Workday hanno a disposizione un sistema unico in Cloud che ottimizza i processi operativi in ambito Finance e HR; la base tecnologica è adattativa e flessibile per rispondere rapidamente alla crescita e ai cambiamenti. E della tecnologia ha parlato David Clarke, Senior Vice President, Technology Development, che è responsabile dello sviluppo della piattaforma tecnologica di Workday.

“Oltre 8 miliardi di transazioni, 5 data center in tutto il mondo, un tasso di sicurezza del 99%. Tutto questo è Workday. Nel 2005, quando l’azienda è nata, non si conoscevano ancora le potenzialità delle applicazioni enterpise in Cloud, tra cui la facilità e l’economicità di implementazione. Oggi le organizzazioni sono pronte e riescono a cogliere pienamente i benefici delle soluzioni SaaS per la gestione finanziaria e delle risorse umane”.

Le applicazioni mobile di Workday sono ottimizzate con il supporto nativo per iPhone, iPad e Android, e il supporto web mobile per tutti i dispositivi basati sul protocollo HTML5. Tutti i processi aziendali, i dati finanziari e quelli sul personale possono essere visualizzati su un’unica App.

Paola Capoferro

Redattore di Digital4Executive - sin dal primo vagito della testata - scrivo di Digital Transformation, in particolare sui canali Digital4HR e Digital4Procurement. Ingegnere gestionale, appassionata di numeri, sono stata travolta dal fascino della parola e della scrittura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 4