SIAV: nuovo data center presso InfoCamere di Padova

pittogramma Zerouno

News

SIAV: nuovo data center presso InfoCamere di Padova

Con il nuovo data center TIER 3, il vendor ha quadruplicato le risorse internet a disposizione e ha realizzato un’infrastruttura scalabile e performante, grazie anche alla tecnologia Exadata di Oracle

18 Giu 2020

di Redazione

SIAV ha attivato un nuovo data center presso la server farm di InfoCamere di Padova.

Siav, nell’implementare la propria strategia di investimenti nell’offerta di soluzioni e servizi cloud per la gestione documentale e la digitalizzazione dei processi, ha individuato in InfoCamere il partner ideale per garantire scalabilità, altissima affidabilità dell’infrastruttura impiantistica e massimi livelli di standard nella sicurezza dei dati.

InfoCamere, la società delle Camere di Commercio italiane per l’innovazione digitale, gestisce il Registro delle Imprese, l’anagrafe ufficiale dell’economia italiana. Tra i servizi tecnologicamente all’avanguardia che realizza e offre c’è un Virtual Data Center in costante evoluzione dove vengono gestiti i dati ufficiali delle imprese italiane e hanno origine servizi erogati in modalità centralizzata via internet e intranet.

Con questo nuovo data center, Siav ha quadruplicato le risorse internet a disposizione e ha realizzato un’infrastruttura scalabile e performante, grazie anche alla tecnologia Exadata di Oracle che consente di usufruire di standard di sicurezza unici sul mercato.

Un data center TIER 3 con servizi ed accessi monitorati in uno dei migliori contesti del Nord-Est, un servizio antiDDoS proattivo contro gli attacchi distribuiti e un efficientamento complessivo dell’infrastruttura consentiranno a Siav di affrontare progetti complessi e continuare ad ampliare il proprio business sul cloud, garantendo un servizio di massima qualità ai clienti.

Tutti i servizi della Server Farm di InfoCamere sono erogati in architettura logica e fisica di alta affidabilità e continuità operativa. Il data center è protetto con architetture di Continuous Availability e Disaster Recovery. Circa 100.000 controlli al giorno in un ambiente a forte automazione garantiscono 100 milioni di operazioni e, ad ogni sito, sono dedicate linee in fibra ottica Gigabit Ethernet ad alta affidabilità con doppio operatore. La sicurezza fisica e logica dei siti è garantita da un presidio 24 ore su 24 con controlli perimetrali TVCC.

Gli accessi sono controllati con lettori badge e dispositivi biometrici. I Sistemi di protezione e conservazione dei dati sono conformi ai requisiti della Certificazione ISO/IEC 27001.

“Se ieri gli strumenti erano i grandi mainframe e le prime reti telematiche fisiche – ha dichiarato Paolo Ghezzi, Direttore Generale di InfoCamere – oggi la sfida si gioca sulle server farm virtuali e il cloud computing, passando per l’intelligenza artificiale. Il data center di InfoCamere è una delle infrastrutture digitali avanzate su cui il Paese può contare nella corsa a colmare il gap che ci penalizza rispetto ai nostri principali competitor”.

“La scelta di migrare e potenziare il nostro data center – ha commentato Nicola Voltan, amministratore delegato di Siav – era parte delle nostre strategie di investimento sul cloud per il 2020. L’emergenza sanitaria, se da un lato ci ha costretti a slittare di qualche mese l’operazione di attivazione, dall’altro lato ci ha confermato quanto sia necessario un nuovo e veloce cambio di passo nello sviluppo del digitale. Il cloud e le soluzioni evolute di ECM sono uno degli strumenti che forniranno risposte utili ai paradigmi della “nuova normalità””.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

SIAV: nuovo data center presso InfoCamere di Padova

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4