Oltre la migrazione a SAP S/4HANA: la soluzione RISE with SAP | ZeroUno

Oltre la migrazione a SAP S/4HANA: la soluzione RISE with SAP

pittogramma Zerouno

Tech InDepth

Oltre la migrazione a SAP S/4HANA: la soluzione RISE with SAP

RISE with SAP è la risposta di SAP per abbracciare un concetto di digital transformation che considera l’interezza dei processi di business, semplificandoli e rendendoli chiari, scalabili e flessibili. Un solo contratto, una sola soluzione, una sola interfaccia, mantenendo tutta la flessibilità che serve al cliente. Si tratta di un modello basato su standardizzazione e semplificazione che sfrutta le potenzialità del cloud, erogato in modalità as a service (con pacchetti per settori di mercato specifici), e va oltre la migrazione tecnica all’ERP SAP S/4HANA.
In questo articolo, una descrizione della proposta nello scenario in cui si colloca e alcuni consigli per un’implementazione efficace.

22 Set 2021

di Michele Ciceri

I dati ci dimostrano che sempre più aziende decidono di passare al cloud in risposta a esigenze che riguardano riduzione dei costi, livelli di servizio più elevati e contenimento delle criticità operative con i relativi rischi. Tuttavia, lo spostamento di un sistema particolarmente importante e delicato come un Enterprise Resource Planning (ERP) presenta aspetti non sottovalutabili per l’integrità aziendale e va affrontato con cura.

RISE with SAP, lanciato a gennaio 2021 da SAP, leader mondiale delle soluzioni gestionali, è un approccio consistente in un percorso che di fatto va a semplificare l’adozione del sistema ERP in ottica as a service con i vantaggi offerti dal cloud. La proposta è indirizzata sia alle aziende che vorranno valutare l’implementazione dell’ERP di SAP sia a quelle che utilizzano già la soluzione, in previsione del passaggio mandatorio alla versione in memory di SAP previsto alla fine del 2027. Sullo sfondo, dicevamo, c’è la cloud transformation.

Cloud e business transformation as a service

Dall’inizio della pandemia Covid-19, le aziende più resilienti sono state quelle che hanno abbracciato la tecnologia per trasformare i propri processi di business.

E in questo contesto il cloud si è rivelato un ottimo alleato: il salto sulla nuvola ha registrato una forte accelerazione in conseguenza di una situazione senza precedenti che ha reso necessario un cambiamento per fare fronte soprattutto alle richieste di smart working.

Secondo i dati dell’Osservatorio Cloud Transformation del Politecnico di Milano, il Public & Hybrid Cloud, ovvero l’insieme dei servizi forniti da provider esterni e l’interconnessione tra Cloud pubblici e privati, è cresciuta del +30% nel 2020 arrivando a valere 2 miliardi di euro. Il Virtual & Hosted Private Cloud, ovvero i servizi infrastrutturali residenti presso fornitori esterni è arrivato a 732 milioni di euro (+11%). Parallelamente, la datacenter automation, ovvero la modernizzazione delle infrastrutture on-premises, ha subito un significativo rallentamento, crescendo del +6% per un totale di 583 Milioni di euro.

I servizi Software as a Service (SaaS) sono cresciuti del +46% e arrivano oggi a rappresentare la metà del volume di spesa in Public & Hybrid Cloud totale.

L’emergenza ha portato le aziende a focalizzarsi sul cloud per quelle categorie di servizi che permettevano di restare operative, adottando spesso soluzioni ready-to- use. Ora, in previsione di una nuova normalità che sarà diversa da quella di prima, il passaggio al cloud arriva a coinvolgere in modo più definito anche i sistemi più core come quelli dell’area gestione e l’ERP. Nel lungo termine, il cloud è destinato a diventare l’ambiente di riferimento per il deploy dell’ERP in realtà come le pmi, oltre che per accedere agli strumenti analitici più avanzati che utilizzano big data e algoritmi d’intelligenza artificiale.

Come ottimizzare la migrazione di SAP alla versione S/4 e al database HANA

La scadenza del supporto alla versione ECC dell’ERP di SAP è prevista a dicembre 2027. Dopo questa data, gli aggiornamenti saranno possibili solo con la clausola extended maintenance e comunque solo fino al 2030, quando terminerà qualsiasi tipo di supporto. Per i clienti sarà quindi inevitabile passare al digital core di SAP S/4HANA o in alternativa valutare altri fornitori. La domanda è quando.

Il 2027 non è così lontano

Attualmente, la maggioranza dei clienti SAP sta ancora pianificando la messa in produzione di SAP S/4HANA. Secondo un sondaggio globale di IDC su un campione di 300 clienti SAP, il problema delle imprese non sembra essere quello di scegliere se adottare o meno SAP S/4HANA, ma decidere quando farlo, tenendo conto delle altre esigenze contingenti. Pensare lontana la scadenza del 2027 potrebbe essere un errore in considerazione della posta in gioco e della complessità di migrare un sistema, come l’ERP, che rappresenta il cuore dell’ambiente IT aziendale. Osservando i primi casi di migrazione, gli analisti hanno anche rilevato che solo in un caso su quattro l’implementazione di SAP S/4HANA avviene nelle condizioni di una nuova implementazione (quelle ideali), mentre più spesso il passaggio coincide con importanti aggiornamenti dei sistemi.

Gli scenari della migrazione a SAP S/4HANA: vantaggi e ostacoli

Le situazioni tipiche in cui si inserisce una migrazione alla suite SAP S/4HANA sono fondamentalmente tre: Greenfield (quando si parte da zero), Brownfield (quando si converte in toto la suite esistente), Landscape Transformation (quando si consolidano i diversi sistemi ERP esistenti in un unico ambiente SAP S/4HANA).

  • L’implementazione ex-novo di tipo Greenfield è l’opzione che prevede una significativa revisione dei processi a monte. È consigliata in caso la soluzione in essere risulti eccessivamente customizzata o non soddisfi appieno i requisiti aziendali in termini di performance e funzionalità.
  • L’approccio Brownfield permette di preservare lo storico e accelerare i tempi della migrazione, ma non introduce particolari ottimizzazioni sull’operatività esistente, il che riduce i benefici di
  • La modalità Landscape Transformation è adatta nei casi in cui esistono più soluzioni di Enterprise Resource Planning differenti, una situazione che si verifica spesso in seguito all’acquisizione di nuove società o all’accorpamento di filiali con sistemi IT differenti. Ha il vantaggio di poter essere condotta gradualmente con l’implementazione di SAP S/4HANA e la migrazione in più fasi dei diversi sistemi ERP, scegliendo di volta in volta le procedure più

SAP ha presentato la migrazione alla business suite SAP S/4HANA come un’evoluzione necessaria per soddisfare le esigenze dei business data-driven e dei processi in real time: un’opportunità per ammodernare i sistemi operativi aziendali, sfruttando le potenzialità dell’in-memory computing.

RISE with SAP spiana la strada alla Intelligent Enterprise

Per consentire alle aziende un’adozione facilitata del suo nuovo ERP, SAP ha lanciato a gennaio 2021 la proposta RISE with SAP, arricchita dopo qualche mese da “pacchetti di trasformazione” per settori specifici che forniscono le basi per la trasformazione aziendale as a service .

RISE with SAP non è una soluzione software ma piuttosto un approccio-percorso verso la intelligent enterprise così come la vede SAP: data-driven e pronta a sfruttare le opportunità della business transformation as a service offerte dal cloud. La chiave di volta della proposta è la standardizzazione per settori e i vantaggi che le aziende clienti sono invitate ad aspettarsi: un total cost of ownership significativamente più basso, più capacità di innovazione, più velocità e agilità e una collaborazione senza interruzioni con fornitori e clienti. In RISE with SAP hanno un ruolo fondamentale i partner che il vendor chiama value advisors, i veri ambasciatori del metodo “vision-to-value” di SAP.

Il supporto di un partner come Derga

Osservando le prime implementazioni di SAP S/4HANA, IDC nota che tre volte su quattro le aziende affidano ai partner implementatori la pianificazione delle integrazioni, la mappatura dei processi, le strategie di change management e oltre che, chiaramente, il deploy delle soluzioni applicative. Il coinvolgimento delle risorse interne è determinante per il successo dell’implementazione per questo risulta fondamentale coinvolgere i key-user sin dalle prime fasi di analisi.

Il supporto di un partner esperto e accreditato dell’ecosistema SAP può aiutare a risolvere le complessità, velocizzando l’entrata in produzione del nuovo sistema.

Derga Consulting rappresenta una delle realtà più consolidate e dinamiche del panorama ICT italiano. Fornisce consulenza e servizi specialistici basati sulle principali soluzioni SAP ed è SAP gold partner da oltre 10 anni, con centinaia di implementazioni di SAP ERP all’attivo. Ogni progetto è realizzato nel rispetto dei massimi standard qualitativi grazie all’applicazione di metodologie di implementazione certificate. Qualità del servizio, profonda competenza di industry e capacità di seguire l’internazionalizzazione: questi sono i driver che oggi rendono Derga Consulting il partner ideale per la transizione verso l’Intelligent Enterprise.

Questo argomento è stato trattato nell’evento dedicato il 22 settembre, seguilo qui.

Michele Ciceri

Giornalista

Giornalista professionista, editor, speaker. Redattore e capo redattore in cronaca, oggi mi occupo di realtà tecnologica. Osservo e analizzo le evoluzioni dei mercati ICT ed Energy, credo in un’economia sostenibile che guarda all’Ambiente come a una priorità. Faccio parte dell’ufficio stampa di Cancro Primo Aiuto Onlus perché ne condivido i valori.

Articolo 1 di 5