Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Smart working, a Milano il teatro di una nuova filosofia di lavoro

pittogramma Zerouno

Smart working, a Milano il teatro di una nuova filosofia di lavoro

Business ma non solo al Clubhouse Brera, il nuovo spazio pensato per rendere concreta la filosofia dello smart working realizzato nel cuore di Milano, restituendo vita all’ex Teatro delle Erbe. Anche questo spazio, come quello di via Copernico 38, rientra in una strategia che mira a proporre luoghi di lavoro strumentali alle attività quotidiane, ma anche a favorire la nascita di relazioni e sinergie tra i propri utenti

16 Mag 2016

di Redazione

“Rendere concreta la dimensione dello smart working attraverso una nuova esperienza di lavoro, basata su un design degli spazi innovativo che favorisce l’activity-based work, e mediante lo sviluppo di un sistema di relazioni che accelera il business” è il principale obiettivo che si pone Copernico. Lo dichiara Pietro Martani, ideatore di Copernico stesso e amministratore delegato di Windows on Europe (la holding che raggruppa diverse società che offrono servizi innovativi nel settore immobiliare).

Copernico è un’evoluzione di pensiero rispetto al progetto di Copernico Milano Centrale, inaugurato nel febbraio 2015, in via Copernico 38, che offre 15mila mq di spazi di lavoro suddivisi su 6 piani di uffici gestiti con la formula plug&play; a questi si aggiunge il social floor, ossia il luogo adibito al relax, al ristoro e agli eventi, più in generale, al networking, secondo quanto espresso più sopra nella filosofia dell’ideatore che mira a favorire la nascita di relazioni e sinergie tra i propri utenti. Sempre a tal fine, oltre alla spazio di lavoro, Copernico mette a disposizione della propria community Nico, la social media platform interna che determina una espansione virtuale.

“Oltre a Milano – aggiunge Martani – stiamo guardando alla geografia nazionale per aprire nuove realtà nei principali centri urbani tra cui Firenze, Roma, Bologna, Torino, Verona, Cagliari e altre città del Paese. Vogliamo creare una piattaforma, un ecosistema, che contribuisce alla affermazione di un nuovo lifestyle e risponde alle nuove esigenze del lavoro: flessibilità, scalabilità, accessibilità, benessere”.

La nuova sfida è rappresentata dalla Clubhouse Brera, aperto a marzo, che può ospitare circa 500 persone (lavoratori di alto profilo appartenenti a settori quali il finance, il design eccetera) in ambienti eleganti e funzionali, flessibili e confortevoli, luoghi, naturalmente, strumentali alle attività lavorative quotidiane. Si tratta di una iniziativa molto particolare che, in linea con la filosofia di smartworking di Copernico, nasce anche dalla volontà di ridare vita all’ex Teatro delle Erbe, nel cuore di Milano, in Brera.

Il club-laboratorio si propone anche come una location per business meeting ed eventi, offrendo diverse tipologie di spazi a seconda delle singole necessità, dalle occasioni di networking agli approfondimenti culturali.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

F
Finance
N
Networking
S
Social Network
Smart working, a Milano il teatro di una nuova filosofia di lavoro

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3