Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La strong authentication che viaggia sul cellulare

pittogramma Zerouno

La strong authentication che viaggia sul cellulare

10 Nov 2010

di Riccardo Cervelli

Pioniera nell’introduzione in Italia di prodotti innovativi, Italsel propone oggi Sms Passcode, un sistema di autenticazione che crea le password in modo randomizzato e solo nel momento in cui si inizia una sessione di collegamento al sito protetto, inviando un sms al cellulare (nella foto Pierangelo Rossi, amministratore unico di Italsel)

Attiva dal 1993, Italsel ha un approccio peculiare alla scelta dei prodotti da distribuire. Il distributore a valore aggiunto bolognese ha sempre puntato sullo scouting sul mercato internazionale per scoprire le tecnologie più innovative e promettenti. Spesso il management di Italsel segue anche le “dritte” di alcuni Cio. Come risultato, la società si ritrova a distribuire prodotti e soluzioni delle quali, sostiene il management, è stata pioniera nell’introduzione in Italia.
Un esempio è la tecnologia di strong authentication a due fattori Sms Passcode sviluppata dall’omonima società danese. “Si tratta – spiega Pierangelo Rossi, amministratore unico di Italsel – di una soluzione che costituisce un passo in avanti rispetto a sistemi di strong authentication hardware quali, per esempio, i token”. Il sistema si basa sull’utilizzo di un pc e di un cellulare. L’utente, anche tramite il pc di un Internet Café, si collega al server remoto con la propria password. Il server, su cui è installato Sms Passcode, invia una password valida per una sola sessione al cellulare, tramite un normale Sms Gateway. “È importante sottolineare – aggiunge Rossi – che il server genera le password in modo randomizzato e solo nel momento in cui i pc iniziano la sessione. Le password vengono subito cancellate. Questo meccanismo previene l’hacking, che in genere punta a sottrarre le informazioni all’interno del server”.
Oltre a garantire una maggiore sicurezza, Sms Passcode è anche più comodo rispetto ad altri sistemi di autenticazione. “Pensiamo al token”, continua Rossi. “Se usiamo questo sistema di sicurezza con più banche e per l’accesso ai dati dell’azienda, dovremmo portarcene dietro diversi di questi ‘gingilli’. Per Sms Passcode basta solo un cellulare”. A chi è mirato Sms Passcode? “Uno dei suoi punti di forza – risponde Rossi – è l’essere una soluzione orizzontale. Volendo, più ancora che per un utilizzo nel banking, si presta a mettere in sicurezza gli accessi ai dati di un’azienda. Inoltre è una soluzione compatibile con diversi ambienti certificati, come Cisco, Citrix, Juniper, Microsoft, VmWare e altre. Infine, è una soluzione out-of-box, facilmente installabile”.
Italsel è impegnata in prima persona a presentare questo e altri prodotti innovativi ai clienti finali. “Una nostra caratteristica – conclude Rossi – è che interagiamo con gli utenti come se vendessimo direttamente, anche se il nostro modello di vendita è completamente indiretto. Spesso i prodotti che trattiamo sono allineati alle esigenze dei clienti, ma trovano i rivenditori e gli integratori ancora impreparati. Quindi siamo noi a sviluppare conoscenza e poi a lasciare ai reseller (attualmente ne abbiamo 3500, di cui 2000 attivi, da aziende di poche persone a filiali di multinazionali) il perfezionamento della vendita”.

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Articolo 1 di 5