Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La mappe che mettono d’accordo passato e futuro di Roma

pittogramma Zerouno

La mappe che mettono d’accordo passato e futuro di Roma

29 Ott 2008

di Riccardo Cervelli

Con l’aiuto della tecnologia Gis di Intergraph è stata realizzata una banca dati archeologica di Roma che permetterà la collaborazione tra ricercatori, enti pubblici e aziende private per diffondere la conoscenza storica e pianificare le nuove infrastrutture nel rispetto del patrimonio storico

Si chiama Imago Urbis ed è una banca dati su base Gis (Geographical information system) che permette diversi tipi di visualizzazione e analisi dei reperti archeologici di Roma e degli scenari in cui erano inseriti all’origine e nel corso dei secoli. Il progetto è fondato su vent’anni di raccolta e catalogazione di tutti dati archeologici relativi a un periodo compreso tra la metà del IX secolo a.C. e la metà del VI secondo d.C. condotta dalla Cattedra di Archeologia e Storia dell’Arte Greca e Romana della Facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università La Sapienza di Roma. Quindi l’incontro con Intergraph, società leader nella forrintura di software per la gestione delle informazioni spaziali e la decisione di intraprendere il progetto di una banca dati consultabile via portale Web-Gis in modo flessibile e dinamico, per rispondere a diversi tipi di necessità: dalla ricerca storica alla progettazione e realizzazione di infrastrutture minimizzando l’impatto negativo sul patrimonio archeologico.

 

La piattaforma ovvia ai tipici problemi di frammentazione e disomogeneità dell’archiviazione dei dati archeologici e consente di realizzare un luogo virtuale dove ricercatori, esperti ed enti pubblici possono accedere ai dati, a differenti metodi di analisi e alla ricostruzione dei contesti urbani e rurali e promuovere, oltre che la diffusione della conoscenza storica, la cooperazione  tra i mondi della scienza, della pubblica amministrazione e delle aziende private.

 

 

 

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Articolo 1 di 5