Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Red Hat e Commvault, come costruire ambienti cloud sicuri e flessibili

pittogramma Zerouno

Red Hat e Commvault, come costruire ambienti cloud sicuri e flessibili

05 Set 2016

di Redazione

Maggiore protezione dei dati e massima libertà dei workload grazie a Red Hat Virtualization 4 arricchita dalla piattaforma Commvault, fornitore di software in ambito enterprise backup, ripristino, archivio e cloud

Il software di ultima generazione di Commvault supporterà Red Hat Virtualization 4, la piattaforma di virtualizzazione basata su kernel di Red Hat. Il risultato di questa partnership è rappresentato da un ambiente cloud-centrico che promette un elevato livello di protezione dei dati e ripristino a livello di file grazie al software.

Nello specifico, il supporto di Red Hat Virtualization 4 da parte di Commvault comprende le seguenti funzionalità: si integra con Red Hat Virtualization Manager e si avvale di Api native per svolgere le funzioni necessarie; offre la possibilità di effettuare backup di immagini Vm (Virtual Machine) completi senza interrompere l’operatività dei workload; le operazioni di protezione sono guidate da policy e sfruttano un meccanismo di auto-scoperta che mappa intelligentemente le Vm corrette rispetto alle policy; inoltre, le operazioni di protezione distribuiscono in modo automatico e dinamico il carico su Host Kvm (Kernel-based virtual machine), i proxy di backup (anch’essi Vm) possono facilmente scalare ove necessario e, come aggregati, allocare in modo intelligente i flussi per elaborare le Vm; la deduplica client side permette ai clienti di ridurre i dati da trasferire alla libreria di backup Commvault, velocizzando il processo e riducendo l’impatto sulla rete e lo spazio necessario per le copie che possono essere archiviate su disco, nastro e libreria cloud; la metodologia hot-add di Commvault per la protezione delle Vm semplifica l’implementazione e lo scale-put, pur essendo gestito a livello centrale tramite una singola console operativa; non ci sono limiti espliciti alle dimensioni dei backup, in numero delle Vm o le dimensioni delle Vm delle quali effettuare il backup.

Red Hat parteciperà all’evento Commvault Go per raccontare nel dettaglio i vantaggi di Red Hat Virtualizazion 4 e le recenti innovazioni OpenStack.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Red Hat e Commvault, come costruire ambienti cloud sicuri e flessibili

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4