Quando il Cloud può dirsi “open” | ZeroUno

Quando il Cloud può dirsi “open”

pittogramma Zerouno

Focus

Quando il Cloud può dirsi “open”

La scelta del modo in cui realizzare un Cloud ibrido rappresenta forse la decisione più strategica che i leader IT si troveranno a fare nel corso di questo…

27 Mar 2012

di Redazione Digital4

La scelta del modo in cui realizzare un Cloud ibrido
rappresenta forse la decisione più strategica che i leader IT si
troveranno a fare nel corso di questo decennio
. Si
tratta di una scelta che determinerà il livello di
competitività, flessibilità e investimenti IT delle loro
aziende per i prossimi 10 anni.

Fra gli osservatori e gli operatori si parla molto dei vantaggi
di un Cloud “aperto”, in grado di abilitare la
portabilità delle applicazioni e sfruttare interamente le
infrastrutture IT esistenti evitando di creare nuovi silos.
Ma quando un Cloud può dirsi open?

L’open Cloud non ha nulla a che fare con una determinata
caratteristica. Bensì significa poter disporre di un’ampia
gamma di funzionalità che spingono l’ago della bilancia da
interamente chiuso a completamente aperto.

Un open Cloud possiede in particolare le seguenti
caratteristiche:

E’ open source

Il concetto di open source permette all’azienda-utente di
controllare la propria specifica implementazione senza essere
obbligato ad utilizzare la roadmap tecnologica e di business di
un vendor specifico. L’open source inoltre, permette agli
utenti di collaborare con altre community e aziende per favorire
l’innovazione nelle aree che ritengono di maggiore
importanza.

Dispone di una community indipendente e
collaborativa 

Quando si parla di open source, non si fa riferimento solo al
codice, alla sua licenza e a come questa possa essere utilizzata
ed estesa. Parimenti importante è, infatti, la comunità
associata al codice che deve essere indipendente e collaborativa.

Si basa su standard aperti, o protocolli e formati che si
muovono verso la standardizzazione 

Il Cloud computing è una tecnologia relativamente emergente. In
quanto tale, la standardizzazione intesa come
“ufficiale” sancita da enti regolatori è ancora agli
albori. Detto questo, approcci all’interoperabilità che
non sono sotto il controllo di un singolo vendor e che non sono
legati a specifiche piattaforme offrono una notevole
flessibilità. Questo consente alla specifica API di evolvere
oltre i limiti dell’implementazione. Di fatto, i protocolli
e i formati open sono indipendenti dalla loro implementazione.

E’ implementabile su qualsiasi
infrastruttura 

La gestione di Cloud ibridi dovrebbe fornire un ulteriore livello
di astrazione a virtualizzazione, server fisici, storage,
networking e provider di Cloud pubblici. Ciò implica — e
di fatto richiede — che la gestione del Cloud non sia
legata a una tecnologia di virtualizzazione specifica. Questa è
la ragione principale per cui la gestione del Cloud è differente
da quella della virtualizzazione, e abilita Cloud ibride che
spaziano dai server fisici, a molteplici piattaforme di
virtualizzazione, a un’ampia gamma di provider di Cloud
pubblici.

E’ espandibile con un’API
aperta 

Con le API aperte gli utenti possono aggiungere feature,
funzionalità e tecnologie da produttori diversi. Obiettivamente,
l’API non può essere controllata da un vendor specifico o
legata a una particolare implementazione, ma deve essere sotto la
protezione di una organizzazione “super partes” che
consenta contributi ed espansioni in modo aperto e trasparente.
Un tipico esempio è DeltaCloud, un’API che astrae le
differenze tra Cloud ed è sotto l’ombrello
dell’Apache Software Foundation.

Consente la portabilità verso altri Cloud 

La portabilità assume una varietà di forme, tra cui,linguaggi e
framework di programmazione, dati e persino applicazioni. Se si
sviluppa un’applicazione per un Cloud, non si dovrebbe
riscriverla in un linguaggio differente o utilizzare un’API
diversa per spostarla da un’altra parte. Inoltre, un
ambiente di runtime coerente tra i Cloud, fa sì che il
re-testing non sia necessario ogni volta che si voglia effettuare
una nuova implementazione.

D

Redazione Digital4

Articolo 1 di 4