Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ovh, nuovi servizi public cloud dal data center di Varsavia

pittogramma Zerouno

News

Ovh, nuovi servizi public cloud dal data center di Varsavia

29 Set 2017

di Redazione

Accanto a questo investimento, l’azienda ha in programma di lanciare nuove offerte Public Cloud presso altri datacenter, tra cui Germania e Regno Unito

Ovh ha lanciato il servizio di public cloud erogato dal datacenter di Varsavia, aperto alla fine del 2016, con l’obiettivo di garantire un più efficace accesso ai mercati dell’Europa centrale e orientale. Il Public Cloud OVH va ad arricchire la gamma di prodotti disponibili nel datacenter, in particolare, una serie di server dedicati e SSD VPS. Tutti i servizi OVH sono protetti da sistemi di sicurezza fisica e logica, inclusa la potente soluzione anti-DDoS dell’azienda. 

Nello specifico, il Public Cloud OVH è un servizio in grado di supportare oltre 150.000 istanze e 120 petabyte di spazio fisico, completamente basato su soluzioni OpenStack, sulle quali viene costruite l’offerta IaaS. 

Questo nuovo investimento conferma l’importante ruolo di Ovh tra i Public Cloud provider in Europa. Nell’ambito di un’ulteriore sviluppo dell’offerta di servizi, in collaborazione con OpenStack, l’azienda ha in programma di lanciare nuove offerte Public Cloud presso altri datacenter OVH, tra cui Germania e Regno Unito. 

Secondo IDC, il valore del mercato Public Cloud in Polonia supererà i 200 milioni di dollari nel corso del 2017. Nel corso dei prossimi due anni, il mercato nazionale del Public Cloud crescerà 5 volte più velocemente rispetto ai servizi IT tradizionali, e il tasso medio di investimento sul prodotto in Polonia supererà il 18%. 

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Articolo 1 di 3