Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La storage virtualization secondo NetApp

pittogramma Zerouno

La storage virtualization secondo NetApp

19 Mag 2009

di Lorenza Peschiera

Con il Virtualization Guarantee Program la società si impegna a migliorare la capacità dei sistemi storage di terze parti del 35%

CANNES – “Dieci anni fa il mercato It era dominato dalle infrastrutture server; il 75% delle spese dei clienti It riguardavano tali infrastrutture. Oggi l’It è diventato data-centrico, lo storage è una delle principali esigenze delle imprese e gran parte della spesa It è indirizzata allo storage. In questo scenario NetApp ha capito che la virtualizzazione dello storage è sempre più un’opportunità per le aziende interessate a ridurre i costi”. Così Andreas König (nella foto), senior vice president and general manager Emea di NetApp, in occasione del VMWorld Europe 2009, svoltosi a Cannes, ha descritto l’evoluzione dello scenario It.
Proprio per soddisfare le esigenze delle aziende in ambito storage, NetApp ha esteso il Virtualization Guarantee Program, programma di garanzia per lo storage di terze parti introdotto nel settembre 2008, a quanti dispongono di sistemi Emc, Ibm, Hp o Hitachi Data Systems.
Grazie al programma, nato con l’obiettivo di assicurare ai clienti l’ottimizzazione degli investimenti nei sistemi di storage già installati, NetApp si era già impegnata ad assicurare una riduzione dello storage necessario di almeno il 50% in ambienti virtualizzati VMware, Citrix e Microsoft. Ora la società garantisce un risparmio pari almeno al 35% nella capacità dello storage anche alle aziende che usano sistemi Emc, Ibm, Hp o Hitachi Data Systems e introducono i sistemi V-Series di NetApp.
“In una situazione come quella attuale, le aziende hanno tra i principali obiettivi quello di ridurre i costi anche in ambito storage minimizzando i rischi dei loro investimenti It”, ha dichiarato König. “In periodi floridi le imprese puntano a fare buoni investimenti, ma nei momenti di crisi le aziende devono fare gli investimenti più strategici. È in questa fase, quindi, molto più che in altri periodi, che possono nascere le soluzioni più vantaggiose per i clienti”.
Il programma di NetApp vuole aiutare i clienti ad accrescere l’efficienza dei loro sistemi di storage, minimizzando i rischi che potrebbero essere legati a investimenti di medio/lungo termine.
I sistemi V-Series consistono in un controller open storage che unifica tutti i sistemi di memorizzazione in un’architettura comune, con l’obiettivo di sfruttare tutti i benefici del sistema operativo Data Ontap quali deduplica, thin provisioning e tecnologia Snapshot per aumentare l’efficienza dello storage e semplificare drasticamente la gestione.
Il Virtualization Guarantee Program è rivolto a clienti che in ogni parte del mondo acquistano un nuovo sistema V-Series per i loro ambienti virtualizzati desktop e server, compresi Citrix XenServer, VMware ESX e Microsoft Windows Server Hyper-V. Se, dopo aver installato il sistema V-Series con le tecnologie di deduplica e aver seguito le linee guida implementate dai servizi professionali di NetApp la capacità dei sistemi di storage di terze parti non sarà migliorata almeno del 35%, NetApp si impegna a fornire gratuitamente la capacità di storage addizionale fino a raggiungere questo obiettivo, per un valore massimo pari al 35% del costo del controller acquistato dal cliente stesso. Il servizio è assicurato dai Global Services di NetApp e dai partner Authorized Professional Service per lo storage di rete per le piattaforme virtualizzate.
“Questo programma sarà apprezzato in Gran Bretagna e in Germania, i Paesi più evoluti in ambito virtualizzazione, ma anche in Italia, soprattutto da imprese del settore bancario o impegnate in ambiti in cui è forte l’esigenza di It transformation”, ha concluso König.

Lorenza Peschiera

Articolo 1 di 5