Red Hat OpenShift Platform Plus, presentata la nuova edizione | ZeroUno

Red Hat OpenShift Platform Plus, presentata la nuova edizione

pittogramma Zerouno

News

Red Hat OpenShift Platform Plus, presentata la nuova edizione

Red Hat OpenShift Platform Plus estende OpenShift riunendo le capacità di Red Hat Advanced Cluster Security for Kubernetes, Red Hat Advanced Cluster Management for Kubernetes, Red Hat Quay

17 Mag 2021

di Redazione

È stata annunciata un nuova edizione di Red Hat OpenShift Platform Plus, la piattaforma Kubernetes progettata da Red Hat per fornire una soluzione olistica volta ad aiutare i clienti ad adottare DevSecOps attraverso l’intero cloud ibrido. Nello specifico, offrendo uno stack Kubernetes completo out-of-the-box, Red Hat OpenShift Platform Plus vuole riunire tutto il necessario per costruire, distribuire ed eseguire quasi tutte le applicazioni ovunque operi OpenShift.

Red Hat OpenShift Platform Plus si basa sulle capacità di OpenShift Container Platform, ma fa un ulteriore passo avanti fornendo una soluzione che include funzioni di sicurezza avanzate, capacità di gestione day 2 e un registro container globale. Con Red Hat OpenShift Platform Plus, le organizzazioni possono implementare in modo più coerente le funzionalità di sicurezza e gestire le applicazioni ovunque si trovino nel cloud ibrido aperto e in qualsiasi punto del ciclo di vita del software.

Red Hat OpenShift Platform Plus estende OpenShift riunendo le capacità di: Red Hat Advanced Cluster Security for Kubernetes, per aiutare a proteggere le catene di fornitura del software, le infrastrutture e i carichi di lavoro; Red Hat Advanced Cluster Management for Kubernetes, per la visibilità end-to-end, la gestione e il controllo dei cluster Kubernetes in ambienti ibridi e multicloud; Red Hat Quay, un registro dei container globale, scalabile e più sicuro per una pipeline di build coerente che attraversa le infrastrutture.

Gli annunci nel dettaglio

Red Hat OpenShift Platform Plus introduce Red Hat Advanced Cluster Security for Kubernetes. Sviluppato dalla tecnologia StackRox, Red Hat Advanced Cluster Security for Kubernetes fornisce sicurezza nativa di Kubernetes integrata per migliorare la sicurezza dell’infrastruttura e dei carichi di lavoro durante l’intero ciclo di vita dell’applicazione.

Digital event, 23 giugno
Forum PA > Infrastrutture digitali della PA: nuova strategia nazionale e prospettive europee
Datacenter
Hybrid cloud

Red Hat Advanced Cluster Security for Kubernetes trasforma il modo in cui i carichi di lavoro cloud-nativi sono protetti, espandendo e perfezionando i controlli nativi di Kubernetes per estendersi oltre la piattaforma stessa. Gli utenti devono essere in grado di monitorare i carichi di lavoro in esecuzione per problemi di sicurezza o minacce. Red Hat Advanced Cluster Security for Kubernetes fornisce una profonda raccolta e analisi dei dati a livello di sistema, oltre a più di 60 policy di sicurezza out-of-the-box che possono essere applicate e fatte rispettare dal momento in cui le app vengono costruite a quando vengono distribuite ed eseguite.

Inoltre, Red Hat OpenShift Platform Plus aiuta le organizzazioni a “spostarsi a sinistra” applicando un approccio DevSecOps alla sicurezza grazie all’integrazione della sicurezza dichiarativa negli strumenti e nei flussi di lavoro degli sviluppatori. Questo approccio assicura una maggiore sicurezza allo stack software e per tutta la vita di un’applicazione cloud-native, dalla fase di costruzione e CI/CD fino alla produzione.

Red Hat OpenShift dispone già un ampio set di funzionalità di sicurezza integrate per ogni cluster Kubernetes, e si basa sulla sicurezza che contraddistingue Red Hat Enterprise Linux. Tuttavia, le organizzazioni devono spesso soddisfare specifici requisiti di sicurezza e conformità che possono variare in base al settore o alle singole applicazioni. Red Hat OpenShift Platform Plus è progettato per affrontare tutte le principali esigenze di sicurezza per quasi tutte le applicazioni, offrendo una maggiore garanzia ed estendendo la sicurezza e la conformità con strumenti, capacità e policy come standard predefinito out of the box.

OpenShift Platform Plus fornisce più livelli di sicurezza, gestibilità e automazione che lavorano attraverso le infrastrutture per guidare una maggiore coerenza in tutta la catena di fornitura del software e dei carichi di lavoro in esecuzione. Includendo Red Hat Advanced Cluster Management for Kubernetes, Red Hat OpenShift Platform Plus permette agli utenti di applicare policy operative coerenti per la sicurezza, la configurazione, la conformità e la governance agli ambienti Kubernetes multi-cluster che abbracciano infrastrutture on-premise e cloud.

Con l’aggiunta di Red Hat Quay, Red Hat OpenShift Platform Plus fornisce un registro globale dei container con forti capacità di sicurezza per una pipeline di compilazione coerente e convalidata che attraversa le infrastrutture.

“Kubernetes e l’uso dei container in produzione stanno aumentano, abbiamo quindi bisogno che gli strumenti e le strategie che gestiscono e proteggono queste implementazioni crescano ed evolvano allo stesso modo. Red Hat OpenShift Platform Plus estende ulteriormente le già robuste capacità di OpenShift per fornire la sicurezza, supervisione e governance di cui le organizzazioni hanno bisogno per costruire, eseguire e gestire in modo più sicuro le applicazioni in modo coerente, su scala attraverso il cloud ibrido” ha commentato Ashesh Badani, senior vice president, Cloud Platforms, Red Hat.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Red Hat OpenShift Platform Plus, presentata la nuova edizione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4