Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Entro il 2015, il 10% delle funzionalità di security sarà Cloud

pittogramma Zerouno

Ricerche

Entro il 2015, il 10% delle funzionalità di security sarà Cloud

18 Apr 2013

di Piero Todorovich da Digital4

Secondo la società di ricerche Gartner, lo sviluppo dei servizi Cloud è destinato a incidere sempre più fortemente sulle modalità d’erogazione della security, a cominciare dagli ambiti che riguardano il filtraggio dell’e-mail, del web e i sistemi d’identificazione

Entro due anni almeno il 10% delle funzionalità di security saranno erogate via Cloud.

Lo afferma uno studio di Gartner, che elenca le aree che saranno coinvolte maggiormente: gateway e-mail/Web, remote vulnerability assessment e identity and access management. Nel complesso la società di ricerche prevede che il mercato dei servizi di security basati su Cloud possa raggiungere il valore di 4,2 miliardi di dollari nel 2016.

Le ragioni per il successo del Cloud in campo security sono riconducibili alla dificoltà delle aziende di reperire le giuste competenze all’interno, ridurre i costi e rispondere più rapidamente alle esigenze di conformità con le normative.

Rispetto all’uso di componenti on premise – spiega Gartner – il Cloud offre maggiore flessibilità e opportunità di scelta in un contesto di servizi più variegato e competitivo.


Dove conviene usare il Cloud
Un sondaggio di Gartner del gennaio scorso ha rilevato un forte interesse delle aziende di ogni dimensione verso i servizi di e-mail security, indicati al primo posto dal 74% degli intervistati.

Nella stessa ricerca, il 27% degli intervistati ha mostrato interesse nell’uso del Cloud per la gestione delle chiavi d’accesso.

Gartner ritiene che l’evoluzione di alcune normative di security, assieme alla diffusione del Payment Card Industry Data Security Standard (PCI DSS) possano essere da stimolo per nuovi servizi per evitare di gestire in proprio sistemi PII (personally identifiable information) o che richiedono informazioni di carattere confidenziale.

Un’altra area d’interesse riguarda il security information and event management (SIEM), anche in questo caso per via dei costi correlati con le problematiche della compliance normativa. Molte aziende potrebbero in ogni caso preferire non dare a terze parti informazioni che derivano dai log di monitoraggio delle reti interne. Questo, secondo Gartner, è un aspetto chiave che i fornitori dovranno indirizzare adeguatamente per avere successo.

In generale, il Cloud consente alle imprese di implementare con più facilità la security e di non doversi preoccupare dell’acquisto e della manutenzione di hardware e software specifici, con conseguente migliore controllo sui costi e risparmi. In aggiunta, il Cloud può consentire di avere protezioni sempre aggiornate senza gli oneri correlati.

Piero Todorovich da Digital4
Giornalista

Giornalista professionista dal 91, ha scoperto il Computer negli Anni 80 da studente e se n'è subito innamorato, scegliendo di fare della divulgazione delle tecnologie e dell'informatica la propria professione. Alla passione per la storia delle tecnologie affianca quella per i viaggi e la musica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link