Intelligenza artificiale e space economy: l'accordo Serco OVHcloud | ZeroUno

Intelligenza artificiale e space economy: l’accordo Serco OVHcloud

pittogramma Zerouno

News

Intelligenza artificiale e space economy: l’accordo Serco OVHcloud

La più recente tecnologia IA di OVHcloud sarà resa disponibile su Onda Dias, la piattaforma cloud di Serco per l’osservazione della Terra ospitata sul Public cloud Storage di OVHcloud

21 Ott 2021

di Redazione

Con l’obiettivo di dar vita a un innovativo progetto a livello di intelligenza artificiale (IA) per migliorare l’uso delle immagini satellitari, OVHcloud e Serco Europe, società attiva nell’industria spaziale con oltre 40 anni di esperienza nel settore, hanno annunciato oggi il consolidamento della loro partnership di lunga data.

Nell’ambito di questa nuova partnership, la più recente tecnologia IA di OVHcloud sarà resa disponibile su Onda Dias, la piattaforma cloud di Serco per l’osservazione della Terra ospitata sul Public cloud Storage di OVHcloud. Serco Europe è già coinvolta nella raccolta, gestione e diffusione dei dati Copernicus.

Questi programmi garantiranno il massimo livello di apertura e trasparenza, sovranità sui dati, privacy e sicurezza dei dati europei.

Inoltre, poiché Serco e OVHcloud adottano la strategia PaaS (Platform as a Service), entrambe le organizzazioni stanno anche esplorando nuove modalità di collaborazione con l’ecosistema delle start-up europee, sfruttando i dati ottenuti dall’osservazione della Terra (tramite lo Startup Program di OVHcloud) e il mercato delle soluzioni SaaS sovrane (Software as a Service).

Il cloud storage costituisce l’elemento chiave per affrontare tutte le sfide che derivano dalle crescenti richieste della comunità. Ciò è evidente nel Programma Copernicus, i cui volumi di archiviazione raggiungono i 35 Petabyte, con una crescita media di 800 Terabyte al mese.

Con l’evolversi della partnership, Serco Europe effettuerà un beta test del Long Term Archive (LTA) di OVHcloud con l’obiettivo di ottimizzare costantemente l’efficacia dei costi dello storage. La soluzione presto disponibile sarà conforme ai diversi requisiti normativi per la conservazione dei dati, oltre a poter vantare un ottimo rapporto prezzo/prestazioni.

Lo sviluppo della Space Economy è stato guidato dal crescente numero di satelliti in orbita e dall’aumento delle prestazioni dei sensori di bordo nell’acquisizione di informazioni. Di conseguenza, una quantità crescente di dati è stata prodotta e messa a disposizione degli utenti: la partnership tra le due aziende svolge, quindi, un ruolo chiave nell’utilizzo dei dati per mezzo dell’Intelligenza Artificiale. Questa importante collaborazione aiuterà a soddisfare le crescenti esigenze della comunità di Osservazione della Terra.

“L’annuncio di oggi – ha commentato Michel Paulin, CEO di OVHcloud -rappresenta una nuova importante pietra miliare nella lunga partnership con Serco Europe. Condividiamo una visione comune basata su collaborazione, interoperabilità, privacy e sovranità sui dati. Con questo nuovo progetto non stiamo solo implementando questi valori fondamentali, ma proponiamo anche nuovi servizi volti all’Osservazione della Terra, un importante passo avanti nello sviluppo della space industry.”

Gaetan Desclee, Managing Director di Serco Europe, ha affermato: “Per la loro intrinseca complessità, i dati relativi all’Osservazione dello Spazio e della Terra erano precedentemente accessibili solo agli esperti. Ora sono, invece, ampiamente disponibili per monitorare il clima e le conseguenze legate al suo cambiamento, l’agricoltura e molto altro. Siamo orgogliosi di rafforzare la nostra collaborazione con OVHcloud e di contribuire a rendere i dati satellitari facilmente accessibili ad una gamma più ampia di utenti. Questa piattaforma sarà un fattore abilitante per la nuova economia spaziale europea e sono lieto di vedere le nostre due organizzazioni investire ampiamente in questa direzione”.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 4