Reporting ESG automatico, così funziona Open-es | ZeroUno

Reporting ESG automatico, così funziona Open-es

pittogramma Zerouno

News

Reporting ESG automatico, così funziona Open-es

Sviluppata da Techedge, in collaborazione con Boston Consulting Group e Google Cloud, la piattaforma si arricchisce di una nuova funzionalità per favorire la rendicontazione non finanziaria

12 Nov 2021

di Redazione

Open-es, piattaforma per la sostenibilità dell’ecosistema industriale lanciata da Eni è stata sviluppata dal Gruppo Techedge, in collaborazione con Boston Consulting Group e Google Cloud.

Condividendo la visione di Eni nel favorire crescita e miglioramento delle performance di sostenibilità dell’ecosistema industriale, Techedge ha sviluppato una nuova funzionalità di reporting automatico che consente alle oltre 2.800 aziende, attualmente presenti nella Community Open-es, di ottenere gratuitamente il loro Report di Sostenibilità, basato sul consolidamento delle informazioni inserite dalle stesse in piattaforma.

Un’integrazione interessante e fondamentale per tutte le aziende della community e con un particolare focus per le PMI, le quali possono ottenere un supporto concreto anche nelle prime fasi del proprio percorso di sostenibilità, rispondendo alle diverse esigenze di disclosure ESG, sempre più oggetto di attenzione da parte di clienti, istituzioni e player finanziari.

Avvalendosi delle competenze trasversali di beNIMBL ed ESGeo, brand del Gruppo dedicati a digital advisory e governance digitale di informazioni e processi ESG, Techedge garantisce inoltre il supporto attivo e costante di analisti certificati per avviare percorsi di digitalizzazione volti a migliorare la sostenibilità delle aziende, non solo intesa come riduzione responsabile dei rischi, ma anche come fonte di nuove opportunità di ricavo.

“La trasformazione del business in chiave sostenibile – ha commentato Domenico Restuccia, CEO del Gruppo Techedge – è un passaggio obbligato per rimanere competitivi. Questa consapevolezza, prima appannaggio quasi esclusivo delle grosse imprese, si sta diffondendo anche in realtà dalle dimensioni più contenute ed è nostra responsabilità supportare l’intero ecosistema industriale in questo processo di transizione, che vede nelle tecnologie e nelle piattaforme digitali un abilitatore fondamentale. Gli obiettivi sfidanti della sostenibilità sono raggiungibili solo adottando un approccio allargato di filiera: trasparenza, condivisione di informazioni e best practice giocano un ruolo chiave e siamo orgogliosi di contribuire a progetti come Open-es, aggregatori fondamentali per abilitare questa trasformazione”.

“Alla base dell’iniziativa c’è l’idea di aggregare, in maniera aperta e collaborativa, tutte le aziende che vogliono essere protagoniste dello sviluppo sostenibile dell’ecosistema industriale in Italia e nel mondo. Teniamo molto a questa iniziativa poiché rappresenta un importante passo verso la creazione di una forte sinergia del sistema imprenditoriale, con l’auspicio che possa diventare un sistema inclusivo del più ampio numero possibile di imprese, un luogo di tutti, al fine di compiere un percorso comune, di continuo miglioramento operativo e tecnologico nella sostenibilità dell’industria” ha sottolineato Dario Pagani, Head of Digital & IT di Eni.

“ESGeo crede e investe nella trasparenza dei dati non finanziari come acceleratore per lo sviluppo di ecosistemi sostenibili. Open-es è un esempio pionieristico su cui abbiamo voluto investire fin dalla sua fase di ideazione” ha concluso Fabrizio Fiocchi, CEO di ESGeo.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 4