Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Outsourcing: dall’ottimizzazione dei costi a valore per il business

pittogramma Zerouno

Outsourcing: dall’ottimizzazione dei costi a valore per il business

03 Mar 2008

di Redazione

Il mercato dell’IT outsourcing è ormai maturo, lo affermano sia Forrester sia Gartner, e quest’ultima sottolinea che da una recente indagine risulta che ben il 41% degli intervistati indica come motivazione principale nell’utilizzo di servizi di outsourcing il miglioramento dei risultati di business

L’outsourcing dell’IT va alla grande. Lo dice Gartner, lo conferma Forrester. Da un’indagine svolta da Gartner su 750 executive IT di aziende utenti e provider di servizi IT in outsourcing in Nord America, Asia/Pacific ed Europa emerge un prima tendenza molto interessante: se è vero che controllo e riduzione dei costi rimane al primo posto tra le motivazioni per utilizzare questo tipo di servizi per il 47% degli intervistati, ben il 41% indica come motivazione principale il miglioramento dei risultati di business mentre in un’analoga indagine del 2005 questa percentuale non superava il 28%.
“Le motivazioni legate all’ottimizzazione dei costi rimangono forti, ma l’aumento di coloro che vedono nell’IT outsourcing uno strumento per migliorare il business è un segno di una maturità del mercato che crea grandi opportunità per i provider di questo tipo di servizi”, ha detto Allie Young, vice presitdent e distinguished analyst di Gartner. “Oltre alla competitività sul lato costi i provider devono quindi promuovere una visione dell’outsourcing che accentui gli impatti positivi sul business potendo far appello a un compratore maturo che si aspetta da questi servizi un maggiore valore e non semplicemente un risparmio”.

Ottime le prospettive per i prossimi due anni
E ottime sono le prospettive per i prossimi due anni: a livello globale l’88% delle organizzazioni prevede un utilizzo moderato o alto dell’outsourcing contro il 67% che lo utilizza nel 2007; da un’analisi più puntuale risulta che le aziende Nord Americane prevedono, nell’89% dei casi, un utilizzo moderato o alto di questi servizi (il dato 2007 è del 67%) mentre sembrano leggermente più prudenti le organizzazioni di area Emea e Asia/Pacific dove l’85% (62% nel 2007), nel primo caso, e il 90% (73% nel 2007), nel secondo, pensa di mantenere lo stesso livello o di aumentarlo nei prossimi due anni.
Dane Anderson, research director di Gartner, dà un consiglio ai provider di servizi di outsourcing: “Gli IT outsourcer devono osservare con molta attenzione il cambiamento che si sta verificando nelle esigenze manifestate dalla domanda, vigilando sui nuovi obiettivi della domanda nei confronti di questi servizi puntando, nella propria offerta, non tanto sulla riduzione dei costi bensì offrendo risposte alle grandi aspettative degli utenti in termini di miglioramento e ottimizzazioni delle attività di business”.
Gli inibitori? L’indagine segnala che per le aziende del Nord America e dell’area Asia/Pacific sono  le problematiche connesse a sicurezza e privacy mentre in Emea è il timore di perdita di controllo di un’area ormai sempre più strategica come l’IT.

Ma l’Italia è fanalino di coda
Dati più precisi sul fatturato e sulla scomposizione dei diversi servizi, in area Emea, ci vengono da Forrester Research che sottolinea performance straordinarie nel secondo trimestre 2007 per i principali outsourcer dell’area, i quali hanno chiuso 84 contratti per un totale di oltre 5,4 miliardi di euro (rispetto allo stesso periodo 2006 l’aumento è stato di 1 miliardo in valore e di 19 in numero di contratti); nel trimestre successivo vi è stata una leggera flessione con 73 contratti a fronte di un valore di 4,3 miliardi di euro (mentre nel 2006 questo era stato il trimestre più appetitoso con 6,5 miliardi di euro di contratti siglati).
Al fine di una corretta valutazione e un preciso dimensionamento del fenomeno, precisiamo che Forrester ha analizzato in modo specifico i grandi contratti di IT outsourcing, con valore di oltre 10 milioni di euro, da 25 IT service provider attivi nel periodo analizzato su 16 paesi.
In vetta alla classifica, come nel 2006, le aziende con sede nel Regno Unito con il 36% di tutti i contratti firmati in Emea (per un valore di quasi 2 miliardi euro). Le aziende tedesche e olandesi (e queste ultime in particolare nel terzo trimestre soprattutto nel segmento del Business Process Outsourcing) mostrano un’attività a pieno ritmo, che porta questi paesi a posizionarsi al secondo e terzo posto. Ulteriori buoni risultati prevengono dai paesi nordici, che hanno mostrato una crescita significativa; Svezia, Finlandia, Norvegia e Danimarca, insieme hanno chiuso 14 contratti. Secondo Forrester, questi numeri riflettono l’elevata maturità dell’outsourcing nei paesi del Nord Europa. L’Italia si trova tra gli ultimi posti nella graduatoria relativa al numero di contratti, a dimostrazione del fatto che il mercato dell’outsourcing nel nostro paese è ancora in una fase iniziale.

Nel 45% dei contratti servizi di infrastruttura
Il report di Forrester fornisce alcuni altri interessanti indicatori: aumenta il numero di servizi forniti con ciascun contratto (il 63% di tutti i contratti chiusi nel secondo trimestre 2007 contiene più di un servizio, mentre era il 52% nello stesso periodo del 2006). L’outsourcing delle infrastrutture ha continuato a fornire significativi ritorni ai vendor, il 45% di tutti i contratti, sempre del secondo trimestre 2007, include servizi di infrastruttura. Tra questi contratti, Forrester segnala quello tra IBM GS e Royal & Sun Alliance che hanno firmato un contratto di rinnovo di 10 anni per un valore di 371 milioni di euro.
I servizi di helpdesk e di supporto hanno subito una significativa crescita e si trovano al secondo posto (44%); i contratti relativi ai servizi desktop sono anch’essi aumentati considerevolmente (31%).
Per quanto riguarda i settori merceologici, i servizi finanziari e assicurativi hanno mostrato una forte crescita, superando in numero di contratti, nel secondo trimestre 2007, il settore governativo, che però è toranto capolista nel trimestre successivo; le aziende di utilities, trasporto e logistica hanno mostrato più interesse verso l’outsourcing, mentre le industrie manifatturiere hanno perso quote.
A compendio di questo articolo che sintetizza l’andamento del mercato analizzato dalle due società di ricerca, proponiamo la lettura del White Paper, realizzato dal Center for CIO Leadership, “The outsourcing decision for a globally integrated enterprise: from commodity outsourcing to value creation” nel quale si analizzano nel dettaglio i vantaggi che l’outsourcing può fornire nello sviluppo del business.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Articolo 1 di 5