Oltre 4.000 miliardi di dollari scommessi sull’IT per contrastare la recessione

pittogramma Zerouno

News

Oltre 4.000 miliardi di dollari scommessi sull’IT per contrastare la recessione

Si punta sui CIO per affrontare al meglio il complesso e cupo quadro economico che si staglia all’orizzonte, memori del “miracolo” compiuto con la pandemia. Niente tagli alle spese IT, quindi, nonostante inflazione e incertezze geopolitiche. Secondo Gartner, anzi, le spese aumenteranno a livello globale di oltre il 5% nel 2023 raggiungendo i 4.600 miliardi di dollari.

09 Nov 2022

di Marta Abba'

È stato l’IT a salvare la maggior parte delle aziende nel 2020, durante la pandemia, conquistandosi una capacità di spesa inedita. Un effetto controcorrente rispetto a ciò che accadrà a quasi tutti gli altri team che, nei prossimi mesi, potrebbero essere gravemente penalizzati dalla recensione. Questa dinamica ha “costretto” Gartner a correggere nel suo ultimo report le previsioni di crescita della spesa IT globale per il 2023 inserendo un +5% al posto del +3% precedentemente stimato.

Di fronte a una potenziale recessione, ai vincoli di liquidità e alla salita degli indici dei prezzi alla produzione, molte aziende stanno mostrando infatti di voler puntare nuovamente sulla tecnologia. I CFO busseranno alla porta dei CIO sperando in un “nuovo miracolo”.

Cloud, data center e servizi IT: nel 2023 investimenti in crescita

Gli orizzonti che le aziende di ogni settore hanno di fronte sono critici, sia visti da oltreoceano che dall’Europa. Secondo Eurostat a settembre il tasso annuo d’inflazione nell’Eurozona ha segnato l’ennesimo record, passando dal 9,1% di agosto al 10%, nello stesso mese l’inflazione statunitense ha raggiunto l’8,2%.

WHITEPAPER
Pharma: come gestire grandi volumi di dati eterogenei e non strutturati?

Nonostante questi numeri, uniti all’incertezza politica e alla crisi energetica, secondo Gartner le aziende continueranno a investire sull’IT raggiungendo un totale di 4,6 trillion (4.600 miliardi) di dollari di spesa nel 2023 (+5,2% rispetto al 2022). Alcuni indizi di questo boom erano già emersi in due sondaggi di inizio estate in cui il 69% dei CFO appariva intenzionato ad aumentare le spese in tecnologie digitali e la maggior parte dei CIO ad accelerare il time to value degli investimenti IT.

Questa “immunità alla recessione” riguarda solo il mercato B2B, in quello consumer è previsto un calo dell’8,4% nel 2022, seguito da quello dello 0,6% nel 2023. Nel contesto aziendale pesa anche il fatto che le voci oggi considerabili discrezionali all’interno dei budget di spesa IT sono minime e si aggirano intorno al 5%. Con il massiccio passaggio al cloud, infatti, si sono aggiunte a quelle irrinunciabili anche l’outsourcing a lungo termine, i managed services e tutte le iniziative IaaS, PaaS e SaaS per il cloud.

I servizi legati alla “nuvola” rientrano in quelle software, che aumenteranno dell’8% per raggiungere la cifra di 879,3 miliardi di dollari nel 2023. Si continuerà a investire anche sui data center, per cui si prevede una spesa di 216,3 miliardi di dollari, in crescita del 10,4% rispetto a quest’anno. Minore, ma da non trascurare, anche l’aumento di attenzione verso i servizi IT che si traduce in un + 4,2% con una corrispettiva spesa di 1.360 miliardi di dollari.

Nessun taglio sulla sicurezza: i cyber attacchi spaventano più della recessione

Nei rari ma possibili casi in cui il budget per la tecnologia viene limitato, la voce che si salva sempre è quella della sicurezza. Gartner segna addirittura un aumento degli investimenti per proteggersi: la paura di attacchi informatici è più forte di quella della recessione.

La spesa globale per security e risk management nel 2023 aumenterà dell’11,3% circa, raggiungendo i 188,3 miliardi di dollari. Un incremento che colpisce, soprattutto considerando che arriverebbe dopo quello già notevole registrato nel 2022, pari al 7,2%. Secondo Gartner, questi tassi di crescita sono legati a tre fattori: l’affermarsi dell’hybrid working, la transizione da VPN a ZTNA e le migrazioni “di massa” verso il cloud. Quest’ultimo driver impatta fortemente con il “suo” + 26,8%, ma le aziende punteranno sempre di più anche sulla sicurezza delle applicazioni (+24,7%), sulla privacy dei dati (+16,9%), sulla protezione delle infrastrutture (+16,1%), sulla gestione degli accessi alle identità (+15,1%) e sulla sicurezza dei dati (+14,2%). I CISO di oggi e di domani devono infatti difendere una superficie di attacco in espansione e con un panorama di vulnerabilità in evoluzione continua. Ciò significa che dovranno adeguare la strategia di sicurezza aziendale in modo regolare e frequente, regolando le diverse voci a budget ma – così per ora sembra – non dovranno fare i conti con tagli “causa recessione”.

Marta Abba'

Giornalista

Laureata in Fisica e giornalista, per scrivere di tecnologia, ambiente e innovazione, applica il metodo scientifico. Dopo una gavetta realizzata spaziando tra cronaca politica e nera, si è appassionata alle startup realizzando uno speciale mensile per una agenzia di stampa. Da questa esperienza è passata a occuparsi di tematiche legate a innovazione, sostenibilità, nuove tecnologie e fintech con la stessa appassionata e genuina curiosità con cui, nei laboratori universitari, ha affrontato gli esperimenti scientifici.

Articolo 1 di 5