Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Galgano, la realtà di impresa entra in aula

pittogramma Zerouno

Galgano, la realtà di impresa entra in aula

28 Lug 2008

di Lorenza Peschiera

Corsi per migliorare i processi e la produzione e per sviluppare capacità promozionali strategiche nel contesto aziendale sono al centro della proposta formativa di Gruppo Galgano, che propone alle imprese seminari interaziendali e percorsi personalizzati

Una decina di anni fa, quando la Rete sembrava diventare il rimedio per ogni male, l’e-learning era spesso visto come il nuovo modello di formazione destinato a imporsi sui tradizionali metodi di apprendimento in aula. La possibilità di accedere a contenuti formativi ovunque, senza muoversi da casa o dall’ufficio, risparmiando tempo e costi di spostamento, era considerata un aspetto vincente dell’e-learning.
Negli anni, i percorsi formativi fruibili tramite Web sono diventati più evoluti e interattivi, ma è cresciuta la consapevolezza che l’e-learning non sempre è la risposta formativa più adeguata, in grado di dare una risposta valida ed efficace a tutti. La formula del blended learning, modalità di apprendimento mista, che affianca lezioni in aula e lezioni via Web è spesso preferita all’e-learning puro. In certi casi, tuttavia, neanche questa formula è quella ottimale. Le società specializzate nella formazione aziendale si stanno rendendo conto che è necessario sviluppare competenze diverse, più vicine alla realtà delle imprese; in quest’ottica, l’affiancamento alla formazione di attività di consulenza può rivelarsi strategica accanto alla realizzazione di iniziative innovative.
“In qualche caso abbiamo realizzato corsi in modalità blended learning, ma per i percorsi formativi da noi proposti la formula vincente resta quella tradizionale, in aula”, commenta Mariacristina Galgano, dal 2005 amministratore delegato del Gruppo Galgano (www.galganogroup.it), realtà impegnata nella consulenza di direzione aziendale e nella formazione manageriale. “Nei nostri corsi sono importanti la testimonianza, lo scambio e il confronto tra le persone, aspetti più difficili da gestire tramite l’e-learning”.
Le attività di consulenza, accanto a quelle di formazione, sono viste dalla manager come uno dei punti di forza del Gruppo. “Rispetto ad altre scuole – afferma Galgano – possiamo contare sulle sinergie tra i due ambiti. I nostri formatori sono anche consulenti, applicano nella consulenza quanto insegnano, e viceversa. Questo ci permette di portare nei corsi esperienze dirette, raccontando le criticità incontrate, come sono state risolte e quali sono le esigenze reali del mercato e delle aziende oggi”.
Tra i percorsi formativi del Gruppo Galgano sono da segnalare quelli che puntano su approcci innovativi nell’organizzazione di processo e nella produzione. “I seminari basati sul sistema Toyota (Toyota Production System), per esempio, propongono tecniche, strumenti, valori e principi di questo approccio”, dice Galgano, che prosegue: “Molto apprezzati sono oggi i seminari sui soft skill, per sviluppare capacità comportamentali: leadership, gestione dei conflitti, gestione delle risorse umane, relazione con gli altri, motivazione”.
Tra le iniziative innovative organizzate di recente da Galgano, rientra il viaggio studio in Giappone per dirigenti italiani, realizzato in collaborazione con la società di consulenza giapponese Shingijutsu Global Consulting (www.shingijutsu-global.com). Il viaggio studio ha consentito ai partecipanti di visitare gli stabilimenti di Toyota e di altre aziende che, grazie all’applicazione del concetto di lean production, hanno raggiunto notevoli risultati.
Nell’ambito dei soft skill Galgano propone anche corsi di diversity management, che considerano le differenza tra le persone, per meglio valorizzarle. “Differenze tra maschi e femmine, ma anche differenze di età o di nazionalità saranno analizzate con l’obiettivo di insegnare approcci che consentano di gestire le diversità, per valorizzarle. Questo tema è oggi molto sentito nelle grandi multinazionali, ma nel tempo diventerà importante per tutte le aziende”, conclude Galgano.

Lorenza Peschiera

Articolo 1 di 5