Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Information management. I quattro ruoli del futuro

pittogramma Zerouno

Information management. I quattro ruoli del futuro

27 Gen 2010

di Riccardo Cervelli

Gartner ha identificato quattro nuovi ruoli di cui le organizzazioni It dovranno dotarsi per restare efficienti.
La prima è una figura "ibrida" a cavallo tra It e problemi legali. Gartner prevede che, già a partire dal 2010, il 20% delle aziende istituirà figure dedicate alla gestione di controversie legali connesse alle informazioni. Tra le questioni di cui questo ruolo “ibrido” dovrà occuparsi rientra, per esempio, la definizione dei tempi di ritenzione delle informazioni e dei documenti elettronici, tra i quali un posto d’onore l’ hanno le email, la cui archiviazione finisce spesso per mettere in ginocchio i server di posta elettronica. L’istituto di ricerche ritiene che gli esperti di It e problematiche legali possano essere creati o formando su tematiche legali delle risorse It o, al contrario, inviando  esperti legali a seguire corsi di training informatico.
Un secondo ruolo emergente, di estrazione non necessariamente It, è quello dell’archivista digitale. Gartner si aspetta che, a partire dal 2012, il 15% delle imprese ricercherà figure di questo tipo contro appena il 1% del 2009. I candidati ideali per questa posizione sono diplomati di scuole di archivistica o information science o impiegati a cui mancano pochi anni al pensionamento, che conoscono le informazioni più rilevanti per il business che le proprie aziende devono conservare.
La terza figura è quella del Business information manager. Finora, spiega Gartner, l’information management è stata un’attività non attribuita a un ruolo specifico. Le risorse It si sono occupate delle tecnologie, i manager di business delle rispettive aree di attività, ma a nessuno in particolare è stata attribuita la responsabilità di gestire le informazioni. Di conseguenza si è creato un gap che ora le aziende devono colmare se non vogliono continuare a sentire i loro addetti lamentarsi della scarsa qualità delle informazioni disponibili. La società di analisi prevede che, a partire dal 2013, il 20% delle imprese assumerà business information manager contro il 5% registrato nel 2009.
L’ultimo, ma non meno importante, ruolo di information management sempre più necessario è quello dell’Enterprise information architect. Si tratta di una figura specializzata nel creare tassonomie, template di documenti e modelli di dati. In alcuni casi, sostiene Gartner, l’Enterprise information architect potrà integrare anche altre responsabilità molto specifiche, quali quelle di business-level information architect, data-integration architect, application-oriented information architect e content-oriented information architect.
Queste previsioni saranno ulteriormente sviluppate e rese oggetto di dibattito nel corso dell’evento Gartner Business Intelligence Summit 2010 in programma a Londra l’1 e 2 febbraio.

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Articolo 1 di 5