BPO, come cambiano i modelli di innovazione in azienda: il caso di Datlas Group

pittogramma Zerouno

Sponsored Video

BPO, come cambiano i modelli di innovazione in azienda: il caso di Datlas Group

Pubblicato il 05 Gen 2023

di Redazione

Il mondo dei servizi BPO è in espansione e in fase di rinnovamento, includendo nuove prospettive volte a rendere più efficienti i processi aziendali e il contatto tra clienti e impresa grazie all’uso intelligente dei dati. In questo contesto di evoluzione, il modello multichannel è la chiave per soddisfare in modo rapido ed efficace le richieste che provengono dall’esterno, permettendo agli utenti della propria realtà di usufruire di tutti i servizi necessari attraverso un’unica piattaforma digitale.

In questo modo, il punto di incontro con il cliente diventa più semplice e diretto, consentendo all’azienda un notevole risparmio di tempi di gestione e dei costi operativi e all’utente di vivere un’esperienza di comunicazione multicanale. Uno scenario in cui l’innovazione è la base per ridisegnare l’ottimizzazione delle fasi di customer journey e backoffice, adattando al mondo del BPO paradigmi tratti da settori diversi, come per esempio l’applicazione dei principi della circular economy al dato.

Per comprendere meglio questo scenario in forte mutamento, è interessante approfondire il caso aziendale dell’ingresso di Selecta, realtà specializzata nell’outsourcing di processi di multichannel customer communication, in Datlas Group.

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Aziende

D
Datlas
BPO, come cambiano i modelli di innovazione in azienda: il caso di Datlas Group

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 2