Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Vis4Search: nuova frontiera del web searching

pittogramma Zerouno

Vis4Search: nuova frontiera del web searching

03 Mag 2010

di Rinaldo Marcandalli

Grazie all’utilizzo di algoritmi sintattico-semantici, la soluzione sviluppata da Vis4, consente di visualizzare le relazioni tra i diversi risultati di una ricerca sul web

“Vedere” le relazioni tra i risultati “attinenti” di una ricerca sul web: è questa la nuova frontiera del web searching. Per avere la visualizzazione grafica dei risultati si utilizza, insieme al motore di ricerca, un software di “visualizzazione dell’informazione” che usa tecniche di visualizzazione dei dati che evidenziano le relazioni e le attinenze fra quanti oggetti informativi il motore riconosce e restituisce. I motori di ricerca ci hanno sin qui abituato a presentare liste di oggetti informativi in ordine di rilevanza. Invece un Search che restituisca dati e informazione visiva relazionale, introduce un livello di astrazione superiore rispetto a una semplice lista: informa su categorie di appartenenza e tassonomie e/o su relazioni, per esempio, di attinenza o parentela semantica.
Il valore dunque è passare “dai dati all’informazione attraverso la visualizzazione, evidenziando  parentele semantiche su Web”, fa notare Giuseppe Liotta (nella foto a sinistra), professore ordinario presso il Dipartimento di Ingegneria Elettronica e dell’Informazione dell’Università di Perugia. Il professore è anche presidente di Vis4, uno “spin-Off accademico” dell’Università, i cui ricercatori hanno messo a punto Vis4Search, il software di  visualizzazione dell’informazione. Vis4Search complementa un motore di ricerca, con algoritmi sintattico-semantici (per esempio vicinanza o lontananza di parole), “clusterizza i risultati”, consente la navigazione visuale fra cluster, filtra la ricerca su un cluster identificato, permette annotazioni su un oggetto informativo prima di condividerlo. In definitiva Vis4Search abilita l’utente a operare su risultati strutturati in tassonomie relazionali condivisibili, un passo avanti cruciale nell’Enterprise Content Management aziendale.
In Vis4 confluiscono varie esperienze: quelle industriali e di mercato derivano da Jobnet, società di Hr di chiara connotazione tecnologica, a sua volta nata come spinoff di Sintesi, un Advanced Business Partner Ibm che propone soluzioni e consulenza Ict a Finance, Industria e Pa. Sintesi e Ibm propongono a Milano, il 19 maggio, un seminario “Editoria, le sfide del cambiamento” sulle opportunità che la ricerca visuale apre in particolare nel settore editoriale.
Giancarlo Sassi (nella foto a destra), Client Technical Professional Manager nell’area Ecm di Ibm, illustra la collaborazione tra le due realtà: “Il primo motore di ricerca con cui è partita la sperimentazione di Vis4Search è Omnifind proposto da Ibm come motore scalabile, sicuro e di alta qualità per massimizzare il valore del portale aziendale da parte dei knowledge worker. Gli strumenti visuali, insomma, si propongono come tecnologia “utile” anche per ricerche collaborative in ambito Ecm, nei settori più disparati, dall’editoria (transizione verso forme di  redazione condivisa o di collaborazione con i social network), alla criminologia (incrocio di oggetti informativi fra polizie specializzate, per esempio, nell’antiriciclaggio o nel contrasto alla pedofilia), dal turismo (informazioni visuali fruibili in self service dal viaggiatore) al tema cross industry di ottimizzare gestione, classificazione e fruizione della documentazione digitale.  Particolarmente alte le attese nell’editoria: la ricerca visuale può giocarvi un ruolo nel trend dello spostamento dalla carta stampata al web, amplificando l’impatto del canale web sul modello di business, almeno a due livelli. Primo, la vendita di “news” (l’oggetto informativo) anziché del giornale digitalizzato (allo stesso modo con cui gli iPod sono ormai un mercato di singole canzoni e non più di Cd). E secondo, il finanziamento con “advertising avanzato”, che prezza i banner pubblicitari in base ai cluster navigati dall’utente nel corso della ricerca, e non al “grossolano” clickthrough. E su questa fase di sperimentazione, dobbiamo dirlo, ZeroUno sarà coinvolta.

Rinaldo Marcandalli
Giornalista

Consulente aziendale e giornalista. 40+ anni di esperienza nello sviluppo software, laboratorio IBM e field, nelle telecomunicazioni prima e poi nelle applicazioni e nel governo del Dipartimento It. Esperienze sul campo in settori bancario, in particolare interbancario, assicurativo e pubblica amministrazione. Da 20+ anni segue prima da consulente e poi come giornalista l’evoluzione dei processi nei settori e da 10+ anni la loro trasformazione progressiva al digitale, specializzandosi nello studio della riorganizzazione agile, digitale e smart delle Aziende.

Articolo 1 di 5