Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Una rete globale di computer contro i tumori infantili

pittogramma Zerouno

Una rete globale di computer contro i tumori infantili

24 Mar 2009

di Riccardo Cervelli

Il World Community Grid, uno dei “supercomputer virtuali” mondiali che sfruttano le capacità computazionali inutilizzate dei pc dei loro membri sparsi intorno al globo, viene in aiuto alla ricerca dei farmaci in grado di combattere il neuroblastoma. Questa patologia è la causa più frequente di morte dei bambini affetti da tumori solidi. A comunicare la notizia è Ibm, sponsor del World Community Grid.
Al momento le cause dell’insorgenza del neuroblastoma non sono ancora note. Molti medici ritengono che la malattia possa essere provocata da una crescita cellulare accidentale durante lo sviluppo dei gangli simpatici e del surrene. Solitamente il neuroblastoma si sviluppa nei primi due anni di vita ed è caratterizzato da un elevato indice di recidiva, tanto che chi ne è affetto ha solo il 40% delle probabilità di sopravvivenza.
Ibm e i ricercatori del Chiba Cancer Center Research Institute e della Chiba University hanno unito le loro forze nel progetto “Help Fight Childwood Cancer”, come iniziativa del World Community Grid, che attualmente conta 430mila membri distribuiti in oltre 200 Paesi. In tutto i computer collegati solo 1,2 milioni. Il Chiba Cancer Center Research Institute ha ottenuto recentemente interessanti progressi nella ricerca genetica intorno a questa malattia. Si ritiene che siano tre – TrkB, Alk e Scxx – le proteine responsabili della progressione della malattia, e tre milioni i farmaci potenzialmente utili per impedirne la crescita. Di qui la necessità di effettuare simulazioni chimiche complesse per scoprire quali, tra i farmaci candidati, si rivelano più efficaci in generale e nell’ambito di piani di trattamento personalizzati.
“Se procedessimo facendo ricorso unicamente alle nostre risorse di calcolo – spiega Akira Nakagawara, ricercatore presso il Chiba Cancer Center Research Institute e recentemente insignito del Princess Takamatsu Cancer Research Fund Prize 2008 per le ricerche sul neuroblastoma (in particolare per le sue scoperte legate alla proteina TrkB) – occorrerebbe circa un secolo per ottenere progressi. Con l’accesso al World Community Grid stimiamo di completare la nostra ricerca in due anni e di iniziare poi le sperimentazioni di laboratorio”.
Come aderire al World Community Grid? Collegandosi al sito www.worldcommunitygrid.org, chiunque può registrarsi e scaricare un piccolo software che permette alla tecnologia grid implementata dal supercomputer virtuale di inviare sul client i dati da elaborare nei momenti in cui le risorse del computer ospite sono inutilizzate. Attualmente, oltre a Help Fight Childwood Cancer, altri progetti condotti con l’ausilio della rete pubblica umanitaria sono: Nutritious Rice for the World, AfricanClimate@Home, Help Defeath Cancer, FightAids@Home e Discovery Dengue Drugs Together.

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Argomenti trattati

Approfondimenti

R
Rete
S
Software
S
Supercomputer

Articolo 1 di 5