Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Riconoscimento facciale in aeroporto, ecco la sperimentazione Lufthansa

pittogramma Zerouno

News

Riconoscimento facciale in aeroporto, ecco la sperimentazione Lufthansa

07 Mar 2019

di Redazione

Meno di due secondi per oltrepassare i gate di imbarco: è possibile con l’applicazione della tecnologia di controllo biometrico SITA all’aeroporto internazionale di Miami

Né passaporto, né carta di imbarco: per passare ai cancelli di imbarco e salire sugli aerei Lufthansa che compiono la tratta Miami-Monaco sarà sufficiente mostrare il proprio viso. Si tratta di una sperimentazione della compagnia aerea resa possibile dall’utilizzo della tecnologia biometrica di riconoscimento facciale implementata ai gate da SITA, fornitore globale di tecnologia per il trasporto aereo.

Nello specifico, grazie alla partnership fra SITA, MIA-Miami International Airport, Lufthansa e la Polizia di frontiera e doganale statunitense (la “US Customs and Border Protection – CBP). La tecnologia SITA utilizza una semplice fotografia scattata al gate d’imbarco per confermare le identità dei passeggeri e autorizzarli a viaggiare. La verifica dell’immagine tramite riconoscimento facciale dura meno di due secondi e ha un tasso di corrispondenza del 99 per cento. L’Aeroporto di Miami prevede in quest’anno l’avvio dell’imbarco biometrico anche con altre compagnie aeree.

“Quanto realizzato al MIA – ha affermato Sergio Colella, Presidente di SITA Europa – è un nuovo grande successo: abbiamo fatto squadra per migliorare l’esperienza dei passeggeri tramite l’innovazione. Abbiamo lavorato a stretto contatto con US CBP, aerolinee e aeroporti per creare una soluzione per un’uscita biometrica senza intoppi, che vada incontro alle esigenze di tutti, passeggeri e operatori. La soluzione SITA Smart Path che sta alla base di questa implementazione, utilizza varchi aeroportuali di uso comune, secondo gli standard settore: questo fa sì che la soluzione possa essere utilizzata da ogni altra compagnia aerea all’aeroporto di Miami”.

“Lufthansa – ha affermato il Dr. Bjoern Becker, Senior Director Product Management Ground & Digital Services di Lufthansa Group – è orgogliosa di essere leader nell’industria del trasporto aereo e trend-setter nella digitalizzazione e innovazione del settore. Un percorso in cui l’imbarco biometrico è un passo considerevole. Permettendo un transito rapido e senza intoppi dai punti di controllo, la biometria contribuisce a velocizzare la procedura d’imbarco, garantendo al contempo il rispetto dei più elevati standard di sicurezza. Siamo entusiasti di essere la prima compagnia aerea a introdurre questo progresso tecnologico al MIA”.

“Siamo orgogliosi di collaborare con CBP e SITA – ha sottolineato Lester Sola, Direttore e CEO di MIA – per fornire questa tecnologia di ultima generazione ai passeggeri di Lufthansa al MIA. La biometria è uno dei tanti strumenti che stiamo utilizzando per modernizzare la nostra infrastruttura in aeroporto, in modo da offrire ai passeggeri un’esperienza di viaggio senza intoppi”.

SITA e il MIA hanno già collaborato a una serie di soluzioni innovative per l’esperienza di viaggio, fra cui il Mobile Passport Control e MIA Airport Official, l’app per cellulari dell’aeroporto.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

Settore Servizi Retail e Trasporti
T
Trasporti
Riconoscimento facciale in aeroporto, ecco la sperimentazione Lufthansa

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4