Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Big Data Analytics, come la Business intelligence diventa Self service

pittogramma Zerouno

Big Data Analytics, come la Business intelligence diventa Self service

Un documento per spiegare i contesti in cui nasce l’esigenza di adottare soluzioni di Self service Business intelligence e tutte le funzionalità offerte dalle soluzioni Ibm in quest’ambito.

08 Nov 2016

di Redazione

Executive e manager vogliono la risposta alle proprie esigenze di business nel giro di pochi istanti per rendere sempre più veloce il loro processo decisionale. La soluzione di questa problematica sta nella Self service Business intelligence, ossia nella possibilità di agire da parte dei singoli collaboratori delle organizzazioni senza il supporto continuo da parte dell’It. In questo modo, viene suggerito, è più facile capire da parte di più interlocutori cosa accade all’interno dell’organizzazione.
Inoltre, le decisioni  non devono essere prese solo in base ai dati storici e al real time, l’ideale è integrare questo tipo di informazioni anche con i propri report in modo che oltre a capire passato e presente, sia possibile anticipare il futuro e agire di conseguenza.

Ibm offre funzionalità di self service business intelligence che promettono di comunicare tutto ciò che serve sapere riguardo a passato, presente e futuro, e non solo, assicura di fare tutto questo in modo molto veloce.

Il documento è realizzato proprio per spiegare questa promessa e lo fa enunciando cinque motivazioni per cui ha senso scegliere Ibm per la Self-service Business intelligence.


Le ragioni sono le seguenti:

  • poter avere a disposizione una visione lungimirante della performance;
  • i dati sono a disposizione velocemente;
  • vengono offerti trend e modelli in modo facilmente fruibile;
  • i risultati ottenuti sono perfettamente coerenti rispetto all’obiettivo che si deve raggiungere;
  • le informazioni sono rese disponibili in base al ruolo di colui che le richiede.

Per ciascuno di questi argomenti sono enunciati:

  • i contesti in cui nascono le esigenze a cui si vuole dare risposta e, quindi, le sfide che si vogliono affrontare;
  • le soluzioni che son in grado di rispondere a tali esigenze, spiegate nel dettaglio, con tutte le funzionalità offerte.

Nell’ultima parte del white paper sono elencate le domande a cui l’Ibm self-service BI è in grado di rispondere organizzate a seconda delle specifiche necessità delle diverse divisioni di business: marketing, sales, operations, executive e risorse umane.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

I
Intelligenza Artificiale
M
Marketing
Big Data Analytics, come la Business intelligence diventa Self service

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4