Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Teamleader, il CRM spegne la prima candelina in Italia

pittogramma Zerouno

Attualità

Teamleader, il CRM spegne la prima candelina in Italia

12 Lug 2018

di Michele Mornese

Teamleader, piattaforma CRM e project management dell’omonima azienda belga, festeggia il suo primo anno in Italia, con un offering che copre tutto il ciclo delle attività di vendita: lead, progetti, stato di avanzamento, fino alla fatturazione. Pensata per lo small business, offre un premio speciale per integrazioni di terze parti a valore aggiunto.

MILANO – Ideata per le aziende di piccole dimensioni, Teamleader è una piattaforma CRM e project management dell’omonima azienda belga, nata nel 2012 e diventata oggi scale-up (cioè una start-up innovativa con un business model già consolidato e scalabile, crescita di dimensioni ed espansione all’estero) presente nei principali mercati europei. Per il CEO Jeroen De Wit, i player di dimensioni ridotte a cui Teamleader si rivolge hanno bisogno di soluzioni plug and play, estremamente semplici da usare e subito implementabili, localizzate nella propria lingua. Il business model è quello del Software-as-a-Service, con abbonamenti da 25 euro mensili, a 430 euro per 30 utenti.

foto di Jeroen De Wit
Jeroen De Wit, CEO, Teamleader

Il software si basa su un flusso di lavoro che comprende anagrafica e contatti del cliente, note del commerciale o del project manager, traccia delle attività aperte, degli incontri e dei task, fatture emesse e relativo status, i progetti attivi e lo storico dei contatti avuti con i clienti: “L’idea – ha dichiarato il CEO – è di creare una vista unica delle attività aperte, dalla creazione di opportunità di vendita alla firma del contratto”.

Una piattaforma “intuitiva, semplice, economica”

Teamleader è stata fondata a Gent e dal Belgio si è allargata all’Olanda, alla Germania, alla Spagna, all’Italia e alla Francia. “I pain che abbiamo identificato nelle piccole aziende – ha specificato il Country Manager di Italia e Francia, Guillaume Broutart – riguardano la sostanziale mancanza di automazione nei task ripetitivi, quindi la possibilità di risparmiare tempo e risorse con i tool giusti; la frammentazione degli strumenti di lavoro che impedisce una visione unificata dei processi; e l’eccessiva complessità di molti software disponibili sul mercato, che sono costosi ma poco intuitivi”.

foto di Guillaume Broutart
Guillaume Broutart, Country Manager di Italia e Francia, Teamleader

Oggi, la piattaforma conta oltre 6000 clienti e ha lanciato, annunciandolo in anteprima all’incontro con la stampa, un fondo da 1 milione di euro per le integrazioni software di terze parti: “L’integration fund è destinato a tutte le tech company e le start-up europee che sviluppino e migliorino l’integrazione tra i loro prodotti e Teamleader, oppure che sviluppino prodotti complementari ad altri software per creare soluzioni easy-access a beneficio dei clienti”, ha sottolineato il Sales Manager Lorenzo Tiberi. Se la valutazione è positiva, metà del fondo verrà assegnato quando l’integrazione verrà completata e pubblicata sul marketplace di Teamleader, creato nel maggio 2017, mentre la restante metà quando i primi 10 clienti la utilizzeranno. “Gli obiettivi nel mercato italiano sono di crescere e raggiungere, dagli attuali 560, i 1.000 clienti entro fine anno. Vogliamo mantenere un tasso di crescita del 10% mensile e raggiungere le 1.000 integrazioni sul nostro marketplace entro il 2020”, ha concluso il manager.

foto di Lorenzo Tiberi
Lorenzo Tiberi, Sales Manager, Teamleader

Michele Mornese
Giornalista

Giornalista pubblicista, svolge attività professionale da una quindicina d'anni. Ha al suo attivo collaborazioni con gruppi di rilievo nazionale e internazionale in vari settori, dall'ICT alla formazione linguistica, alla riorganizzazione aziendale, e con associazioni specializzate in ambito sportivo, per le quali ha realizzato reportage e interviste legate al mondo della montagna. Si interessa di tutto ciò che riguarda la comunicazione e l'impatto delle nuove tecnologie per il vivere connesso. Ha vissuto a Londra e a Sydney e viaggiato in diversi paesi nel mondo.

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
Crm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 4