Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Partner Microsoft: crescita dei profitto fino al 250% grazie a Windows Azure

pittogramma Zerouno

Partner Microsoft: crescita dei profitto fino al 250% grazie a Windows Azure

05 Ott 2011

di Nicoletta Boldrini

Uno studio recentemente commissionato da Microsoft a Forrester Consulting ha rilevato che i partner del settore software che distribuiscono soluzioni tramite Windows Azure aumentano i profitti in una percentuale variabile dal 20 al 250% raggiungendo clienti completamente nuovi (The ISV Business Case For The Windows Azure Platform: A Total Economic Impact Analysis, studio condotto da Forrester Consulting per conto di Microsoft, luglio 2011).
La stessa Microsoft, si legge in una nota aziendale, ha riscontrato i progressi compiuti da eBay, Fujitsu e Hp nella distribuzione della Windows Azure Platform Appliance per fornire nei propri data center servizi cloud chiavi in mano. Microsoft, infatti, offre ai service provider e alle aziende enterprise una sorta di data center preconfigurato per l’erogazione di servizi cloud; la Windows Azure Platform Appliance è, in pratica, un data center “mobile” (delle dimensioni di un container) all’interno del quale sono inseriti centinaia di server – già dotati di networking gear ed altri componenti hardware e software – e la piattaforma Windows Azure. In pratica, si offre alle aziende l’infrastruttura necessaria sulla quale costruire servizi di cloud computing, per la propria azienda o da erogare all’esterno in qualità di cloud service provider.
Sulla base di questi risultati, dunque, Microsoft ha annunciato lo scorso luglio la disponibilità di un’anteprima rivolta alla comunità tecnologica del nuovo Microsoft SQL Server, dal nome in codice "Denali". Per la prima volta i clienti possono iniziare a testare le attese funzionalità di "Denali", tra cui il progetto "Crescent" per l’esplorazione visiva dei dati e gli strumenti per sviluppatori di SQL Server, nome in codice "Juneau", per un’esperienza di sviluppo più moderna su diversi progetti di sviluppo di server, business intelligence e cloud.
Nell’ultimo anno l’ecosistema dei partner Microsoft è più che raddoppiato e ora include oltre 41.000 partner e 300.000 esperti specializzati nel servizio cloud. Per supportare questo ecosistema la società ha annunciato cambiamenti nelle commissioni per i partner, al fine di aumentare il flusso di cassa e offrire maggiori opportunità.
Il prossimo aggiornamento di Microsoft Dynamics Crm Online, per esempio, sarà disponibile a partire proprio da questo ultimo trimestre dell’anno. Questo aggiornamento, fa sapere la stessa Microsoft, consentirà ai partner di offrire ai clienti aziendali Microsoft Dynamics Crm Online unitamente a Microsoft Office 365 e fornirà migliori capacità di collaborazione sociale.
Sono stati inoltre presentati i nuovi servizi Microsoft Dynamics Erp RapidStart, che permetteranno ai partner di configurare e impostare rapidamente procedure coerenti e ripetibili per l’intero ciclo di vita di una distribuzione Erp, riducendo i tempi necessari per l’implementazione iniziale e consentendo così di concentrarsi sulla fornitura di servizi a valore aggiunto più redditizi.
Basato sulla piattaforma Windows Azure, questo servizio estendibile è disponibile per Microsoft Dynamics AX 2012 da settembre.

Nicoletta Boldrini

Giornalista

Articolo 1 di 5