Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Asp Italia, la ‘pioniera’ dell’as-a-service ora scommette sui tablet

pittogramma Zerouno

Asp Italia, la ‘pioniera’ dell’as-a-service ora scommette sui tablet

05 Ott 2011

di Daniele Lazzarin

La società renderà fruibili sul dispositivo Olipad del partner Olivetti alcune funzioni di D.net, il proprio pacchetto Erp in SaaS: “stiamo lavorando su un’applicazione di supporto alla vendita e una analitica”.

Asp Italia è una ‘pioniera’ del software-as-a-service nel nostro Paese, essendo nata nel 2002, e oggi la sua offerta si basa su D.net, il suo Erp in SaaS, e sulle soluzioni Acg Vision 4 (Erp) e Hdo (gestione documentale), rispettivamente dei partner Ibm e Olivetti, anch’esse erogate in SaaS. “Ci rivolgiamo tipicamente a Pmi in crescita – ci spiega Davide Raggi (nella foto), account manager di Asp Italia -, e perciò alcuni nostri clienti nel tempo sono diventati multinazionali: abbiamo referenze in molti settori, da Giochi Preziosi a Emilio Mauri, nell’alimentare, da Compagnia delle Pelli nel fashion a Mazars e SI Collection nel finanziario. Quest’ultima è anche il nostro primo caso di cloud computing per l’intero sistema informativo”.
Tornando a Olivetti, Asp Italia s’è ispirata alla sua recente entrata nel mercato dei tablet con il prodotto Olipad (un 10 pollici con sistema operativo Android) per creare un’offerta che scommette sul successo anche in chiave business del tablet, in fortissima ascesa nel mercato consumer. Da Olipad infatti si potrà accedere in mobilità a funzioni di D.net come acquisizione ordini, analisi di dati di vendita e contabili, gestione dell’assistenza tecnica e project management.
“Stiamo studiando il potenziale di queste funzioni su tablet insieme ai clienti, e per ora abbiamo riscontrato interesse soprattutto per due tipi di applicazioni”, spiega Alessandro Lupis (nella foto), responsabile tecnico del progetto. Una è di supporto alla vendita, rivolta ad agenti che vanno in visita presso il cliente. “Stiamo lavorando su un prototipo, molto semplice, in cui l’operatore può aprire la procedura per un nuovo ordine, cliccare sul prodotto d’interesse in una lista di quelli disponibili, con descrizione e immagine, scegliere le quantità e utilizzare un tipico meccanismo di ‘carrello’, inserendo alla fine i dati del cliente”.
Tra i prossimi sviluppi, precisa Lupis, c’è la disponibilità in tempo reale a magazzino, e la possibilità di lavorare anche senza essere connessi: “L’evoluzione di Olipad uscita a fine luglio [Olipad 110, ndr] implementa Android versione 2.3, che supporta anche Air, il runtime di Adobe, con cui l’applicazione potrà girare anche offline, e sincronizzarsi con il sistema aziendale appena il tablet torna online”.
Per quest’applicativo, continua Lupis, “notiamo forte interesse soprattutto nel settore moda: per presentare le collezioni piace molto l’idea di usare uno strumento che è anch’esso ‘fashion’, offre possibilità grafiche e di fruizione inedite, ed è molto comodo perché si avvia all’istante e pesa meno di un notebook”.
La seconda applicazione nasce da una soluzione di statistiche e analisi degli andamenti aziendali sviluppata per Giochi Preziosi su Adobe Flex, la piattaforma per applicazioni Flash: “Flex ci ha facilitato: abbiamo provato a ‘generalizzare’ l’applicazione e migrarla su tablet e ci siamo riusciti senza grandi modifiche”. Anche il porting su altri tablet, purché Android, sarebbe piuttosto semplice, assicura Lupis: “Per l’iPad invece occorrerebbero sviluppi specifici”. Il progetto tablet comunque, conclude Raggi, rientra in una strategia complessiva verso il cloud: “Per noi il cloud è la conferma di una ‘scommessa’ sull’as-a-service fatta già nel 2002: ora il mercato è pienamente maturo per accogliere questi concetti”.

Daniele Lazzarin

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2