Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La Digital Business Platform per l’Internet of Things

pittogramma Zerouno

La Digital Business Platform per l’Internet of Things

01 Feb 2017

di Arianna Leonardi

Con un fatturato attorno al miliardo di euro e circa 4.400 dipendenti in 70 paesi, Software AG propone la Digital Business Platform per supportare le aziende nei percorsi di trasformazione digitale attraverso un ventaglio di funzionalità per l’analisi in real-time e l’integrazione in ambienti multicloud.

“La nostra vision – ha dichiarato Francesco Maselli, Direttore Tecnico di Software AG Italia nel corso della recente Tavola Rotonda di Redazione Big data & IoT: dai dati alle informazioni a nuove opportunità di business, organizzata da ZeroUno in collaborazione con Software Ag – contempla scenari ibridi, per cui dati e workload risiedono su hardware on premise e nuvole distribuite. Supportiamo così i clienti nella migrazione al cloud, con un approccio graduale e più alti livelli di affidabilità”.

Di questo servizio fa parte anche il seguente articolo:
SCENARIO E DIBATTITO – Big data e IoT, come ottimizzare il legacy e sviluppare progetti di successo

“Offriamo software infrastrutturale – ha aggiunto Fabio Todaro, VP Sales & Country Representative -, che permette di importare gli algoritmi forniti dai data scientist, sfruttando capacità elaborative real time”.

Il vendor mette al centro della propria offerta la Digital Business Platform, ovvero un ambiente di sviluppo, abilitato ad Api, cloud e mobility, con servizi e applicazioni pronte all’uso; è quello che l’azienda definisce un acceleratore per la digital transformation, che, secondo le affermazioni di Maselli, permette alle aziende di superare l’organizzazione a silos dei sistemi It e concentrarsi sullo sviluppo delle componenti più innovative e a valore di business.

In Italia, la multinazionale sta seguendo numerosi progetti legati all’Internet of Things. “A dimostrazione del Roi derivante dai progetti big data e IoT – ha affermato Todaro -, stiamo portando al tavolo delle aziende le referenze dei nostri clienti, come il caso esemplare dell’Ospedale San Raffaele di Milano (wearable per misurare gli attacchi dei pazienti epilettici) e Octo Telematics in ambito Insurance. Questi use cases offrono una garanzia tangibile dei vantaggi competitivi ottenibili, ma anche dell’esperienza che possiamo mettere a disposizione”.

Arianna Leonardi

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2