Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Talentia, quando il software promuove il talento delle imprese

pittogramma Zerouno

Talentia, quando il software promuove il talento delle imprese

03 Ott 2014

di Cristina Mazzani

Novità e percorsi evolutivi del fornitore di soluzioni software d’impresa specializzato nella gestione della performance aziendale e finanziaria e del capitale umano. Il gruppo sta crescendo anno su anno a due cifre mentre espande il proprio business sui mercati internazionali

Massima focalizzazione sulle attività di Ricerca e Sviluppo, da un lato, e sull'affermazione del proprio brand, dall'altro. Sono gli impegni presi da Talentia Software per il 2015.

Il Gruppo, nato nel febbraio 2013 dall'unione di più realtà aziendali, propone soluzioni software d'impresa specializzate nella gestione della performance aziendale e finanziaria (bilancio consolidato, reportistica ed elaborazione di budget) e del capitale umano (soluzioni per il mondo delle human resource).

Marco Bossi, Direttore generale di Talentia Software

“Il 2014 – ha raccontato Marco Bossi, direttore generale di Talentia Software – è per noi un anno di consolidamento. Talentia è un gruppo giovane, ma affonda le proprie radici in realtà affermate; nella sua storia vi sono l'operazione di managing buy out di Lefebvre, le acquisizioni di Prisme e di un ramo di azienda di Cezanne. Queste importanti integrazioni hanno determinato molteplici vantaggi, prima di tutto, dal punto di vista dell'attività di Ricerca e Sviluppo, quindi, per le possibilità di fare cross selling e di strutturare al meglio la nostra rete di vendita diretta”.

La società conta oggi 430 collaboratori in otto Paesi che si occupano di circa 3.700 clienti; in Italia ha sedi a Milano e Bari, con 70 addetti e si rivolge a circa 500 clienti.

“La nostra mission – ha spiegato Enzo De Palma, business development director di Talentia Software – è sviluppare le performance delle aziende; la nostra offerta si basa su Talentia HCM (Human capital management) e Talentia CPM (Corporate performance management), con soluzioni modulari”.

Enzo De Palma, Business Development Director di Talentia Software

Il Gruppo ha realizzato 54 milioni di euro di fatturato a livello internazionale, mettendo a segno un +20% anno su anno, e anche quest'anno è prevista una crescita importante.

“Stiamo lavorando molto – ha puntualizzato Bossi – sui progetti internazionali, ossia con quelle realtà che stanno portando oltre confine il proprio business e hanno bisogno di integrare i vari sistemi. Abbiamo organizzato un team apposito per questa attività che mette a fattor comune tutte le competenze necessarie. Inoltre in Italia, riteniamo che vi siano molte opportunità anche sul fronte della innovazione aziendale; spesso, ci troviamo a sostituire con le nostre soluzioni un semplice Excel”.

Talentia continuerà a innovare i propri prodotti, proposti sia on-premise sia in cloud, per quanto riguarda il Cpm, sono sempre più richiesti strumenti per fare previsioni finanziarie; per quanto riguarda l'Hcm invece, la domanda riguarda il mondo del recruitment, per tool che semplifichino e ottimizzino la ricerca di risorse.

“Ci stiamo preparando per la nostra Customer Conference – ha aggiunto Bossi – che si terrà a Brescia mercoledì 8 ottobre, una giornata di confronto diretto con i nostri clienti per condividere le nostre analisi sull'evoluzione del mercato e recepire le differenti necessità per incrementare la tempestività e l'efficacia del nostro supporto”.

Un'occasione più “giocosa” per scoprire il mondo Talentia Software è il workshop riservato a HR manager e Dirigenti che si terrà a Milano il 29 ottobre: si tratta dell'evento di show cooking dal titolo “Il Talento è servito” pensato per mostrare in che modo in azienda, come a tavola, sia possibile riconoscere, misurare e valorizzare un talento.

 

Cristina Mazzani
Giornalista

Giornalista dal 1996, si è sempre occupata di tematiche tecnologiche, scrivendo per riviste dedicate al mondo B2B e al canale di distribuzione Ict. In alcuni periodi ha affiancato a questa attività collaborazioni per quotidiani e testate attivi in altri settori. Dal 2013 lavora con ZeroUno.

Articolo 1 di 5