Inspearit: dare spazio all’innovazione | ZeroUno

Inspearit: dare spazio all’innovazione

pittogramma Zerouno

Inspearit: dare spazio all’innovazione

La società di consulenza offre servizi per l’ottimizzazione e la governance del parco It (qualità del software, miglioramento di processo, metodologie Agile e Lean), attraverso un approccio basato sull’evidenza dei dati e dei risultati. Obiettivo: razionalizzare l’operatività e permettere alle risorse interne di pensare al futuro dell’azienda.

22 Ott 2013

di

Soprattutto in un periodo di discontinuità e recessione, il mercato non permette più colli di bottiglia e richiede processi agili, adattivi, ottimizzati, velocità di esecuzione, eliminazione degli sprechi, riduzione dei costi. Bisogna sapere guardare dentro la complessità crescente, prendere consapevolezza e mettere ordine. La mission di Inspearit, multinazionale con oltre venti anni di esperienza e un recente cambio di brand (è frutto di un management buy-out nell’estate 2011, per cui il nome è stato cambiato da Dnv It Global Services), è fare luce sullo status quo dei sistemi informativi aziendali e generare, attraverso una squadra di professionisti e l’introduzione di modelli operativi alternativi, nuove sacche di risparmio e efficienza.

Pascal Jansen, Executive Vice President di Inspearit

“Di fronte al continuo proliferare di sistemi e applicativi – spiega Pascal Jansen, Executive Vice President della società -, il nostro obiettivo è creare valore per i clienti a partire da una migliore It governance. Il nostro team di circa 170 esperti nel mondo, con competenze manageriali specifiche e un background pluriennale nell’ambito dell’Information Technology, offre consulenza non solo per l’industrializzazione del software, ma anche per l’applicazione dei processi Agile & Lean nell’It allo scopo di gestire il cambiamento all’interno dell’organizzazione e procurare nuove opportunità di business”.

Il target di Inspearit, che opera in Europa e Asia (sedi in Italia, Francia, Paesi Bassi, Cina, Singapore e Hong Kong), prevalentemente nei settori Finance, Automotive, Aeronautica e Pubblica amministrazione, sono le grandi aziende del calibro di Allianz, Finmeccanica o Ing, tutti clienti acquisiti attraverso una metodologia basata sull’evidenza dei dati.

“Spesso i prospect – commenta Jansen – non hanno mai sentito parlare di debito tecnico [il costo economico che ha un intervento non ottimale sul software, ndr, su questa tematica vedi l'articolo dal titolo "Applications: focus su Risk e Productivity management" con le dichiarazioni di Bill Curtis, direttore del Cisq, co-autore del Cmm (Capability Maturity Model) e senior vice president e Chief Scientist di Cast ] oppure di metodo Agile. Noi portiamo ad esempio l’esperienza maturata nel corso degli anni e quantifichiamo i vantaggi ottenibili dall’azienda attraverso il nostro intervento”.

“Per tutta la durata del progetto [tipicamente si arriva alla fase di rollout nel giro di uno-tre mesi, ndr] – precisa Roberto Davico, Customer Service Manager di Inspearit – forniamo al cliente un resoconto puntuale e costante per dimostrare i benefici resi dall’investimento (risparmi, efficienza operativa, migliore posizionamento sul mercato e così via). Oggettivare i risultati del nostro lavoro è il plus che ci differenzia dalla concorrenza”.

WHITEPAPER
La nuova frontiera del Cognitive Search. Ecco come evolve l'AI
Intelligenza Artificiale
Realtà virtuale

Ma per “iniettare nelle aziende il virus della novità”, come dichiara Davico, occorre l’approccio giusto, perché “vige una certa autoreferenzialità del management e chiusura alle alternative provenienti dall’esterno, in difesa del proprio savoir faire”. “Il nostro compito – suggerisce Jansen – non è imporre modelli, ma ottimizzare il modus operandi per liberare risorse interne affinché possano pensare strategicamente al futuro dell’azienda. L’80% dei budget informatici viene speso per mantenere l’esistente e garantire la continuità operativa: rimane pochissimo spazio per l’innovazione. Si passa il tempo a spegnere incendi quando bisognerebbe mettere in atto strategie preventive”.

Roberto Davico, Customer Service Manager di Inspearit

Ma come è possibile aumentare l’efficienza? “Oltre il 40-60% degli asset informatici – risponde Jansen – è sottoutilizzato o, in alcuni casi, neppure conosciuto; i tempi di risposta dell’It sono inadeguati alle richieste del business, il codice delle applicazioni contiene difettosità (dalle linee duplicate ai fattori bloccanti): ci troviamo insomma di fronte ad aziende che non hanno la visibilità e il controllo sul loro parco informativo”.

“Ci preoccupiamo innanzitutto – interviene Davico – di dare gli occhi ai manager con strumenti di monitoraggio: ad esempio, abbiamo sviluppato un metodo di valutazione della qualità del codice sorgente (reso disponibile pubblicamente in licenza open-source) che permette di classificare le criticità del software e prioritizzare gli interventi”.

Ma il traguardo finale, dopo avere individuato il deficit e introdotto nuove metodologie di lavoro, è rendere l’azienda autosufficiente. “Non vogliamo – puntualizza Jansen – legare a noi il cliente sulla singola iniziativa, quanto piuttosto trasferire conoscenza e restituire autonomia. Per questo, all’avvio di un progetto, verifichiamo sempre che vi siano le condizioni per la buona riuscita e le persone corrette cui affidare il delicato ruolo di champions [depositari e promotori dei nuovi metodi operativi all’interno dell’organizzazione, ndr]. Se un’impresa non è sufficientemente matura, preferiamo rimandare”.

Una filosofia premiante, che, secondo Jansen, ha permesso ad Inspearit buone performance nel 2012 – 2013 anche sul mercato italiano (sede a Roma, 20 professionisti in tutto, una quarantina di clienti): a detta dell’Executive Vice President,  nonostante le marcate resistenze culturali tipiche del nostro management, l’interesse verso i modelli Agile & Lean cresce, anche perché l’economia mondiale preme sempre di più verso un inevitabile recupero di efficienza.

Inspearit: dare spazio all’innovazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3