ERP e capital asset management: in Iperal la tecnologia aiuta il business | ZeroUno

ERP e capital asset management: in Iperal la tecnologia aiuta il business

pittogramma Zerouno

Caso Utente

ERP e capital asset management: in Iperal la tecnologia aiuta il business

Forte di una collaborazione ventennale basata sull’ERP SiFides, l’operatore lombardo della GDO ha realizzato con Sinfo One il progetto Capital Budget per digitalizzare il processo legato alla gestione degli immobili. Informazioni complete e disponibili consentono stime precise, corretta individuazione dei fornitori e riduzione degli sprechi

09 Dic 2021

di Gianluigi Torchiani

Gli operatori della GDO non possono stare con le mani in mano, soprattutto in un mercato sempre più mutevole. Oltre a quelli commerciali, anche gli aspetti immobiliari sono importanti: ci sono nuovi ipermercati di cui curare la realizzazione, altri al centro di importanti progetti di rinnovamento del layout, quando non di vere e proprie riqualificazioni edilizie. Nella grande distribuzione organizzata moderna, il capital asset management degli investimenti immobiliari è una voce strategica.

Le ricerche evidenziano che il cliente è sempre più infedele alle insegne, e anche per questo la buona riuscita dei progetti immobiliari è per la GDO un’arma importante per competere con la concorrenza e attirare nuovi consumatori. Dalle tecnologie digitali arriva un valido aiuto, soprattutto nel mantenere l’organizzazione dei progetti strettamente sotto controllo.

L’attenzione di Iperal alla tecnologia

Iperal, nata nel 1986 in provincia di Sondrio, conta oggi 50 punti vendita tra ipermercati e supermercati in 8 province lombarde e 3.800 dipendenti. I numeri fanno di questa realtà made in Valtellina un punto di riferimento importante nel panorama della grande distribuzione italiana.

Vero e proprio punto di svolta nella strategia del gruppo è stato il 2012, anno in cui Iperal ha cambiato la politica di sviluppo e commerciale diventando una catena di supermercati (che sono più piccoli degli ipermercati e misurano meno di 2.500 metri quadri) specializzati nel core business del Food, con grande attenzione al rapporto qualità-prezzo.

La tecnologia è sempre stata considerata un fattore di successo; nella convinzione che i processi interni possono essere migliorati attraverso competenze, modalità organizzative e sistemi informativi efficienti. In quest’ottica, nel 1995, Iperal ha scelto di avvalersi delle competenze di Sinfo One, software house di Parma attiva nella consulenza e nella realizzazione di sistemi gestionali (ERPEnterprise Resource Planning) per le aziende.

I punti di forza dell’ERP SiFides

Oggi Iperal holding utilizza l’ERP SiFides, software proprietario di Sinfo One, per gestire le attività delle società del gruppo: analitica, chiusure infra-annuali e d’esercizio, flussi di tesoreria, gestione cespiti, integrazione con il sistema documentale. Anche l’analisi dei dati delle casse degli ipermercati viene gestita attraverso SiFides, un sistema integrato per gestire il flusso e gli automatismi di cassa in modo centralizzato.

Un punto di forza di SiFides è l’immediatezza, che rende possibile una navigazione facile e l’accesso alle informazioni in qualsiasi momento e da ogni dispositivo. Si tratta inoltre di un ERP flessibile e modulare, cloud, object oriented, multipiattaforma, multi-database, multi-company e multi-stabilimento. Altro aspetto qualificante è la scalabilità, che consente di seguire la crescita dell’azienda nel tempo, accompagnando e facilitando lo sviluppo organizzativo e del business. Questo grazie a moduli che possono infatti essere attivati anche gradualmente in base alle priorità e alle esigenze aziendali.

Con SiFides, Iperal ha avuto a disposizione una soluzione ERP capace di ottimizzare e velocizzare i processi decisionali e facilitare il controllo e governance a supporto della crescita.

Inoltre, il solido rapporto con Sinfo One ha creato legami forti tra le persone, cosa sempre importante quando inevitabilmente ci si trova a dover risolvere problemi sul campo e fronteggiare nuove esigenze con piccole ma decisive modifiche alla configurazione dell’ERP.

guida ai benefici nascosti dell'erp: incrementa le vendite e ottimizza la produzione

Il progetto Capital Budget

Uno dei progetti più recenti che ha visto collaborare fianco a fianco Iperal e Sinfo One è Capital Budget. Un esempio di come la tecnologia possa essere una leva per il business.

Nei processi legati allo sviluppo immobiliare, la maggior parte degli operatori della GDO – concentrati sul proprio core business – ha un approccio di tipo tradizionale e non del tutto digitalizzato. Questo valeva anche per Iperal, ma la cosa creava non pochi problemi quando si trattava di recuperare e tracciare tutti i costi connessi con un investimento complesso.

Il monitoraggio di tutte le voci di spesa è una fase necessaria per prendere decisioni ponderate soprattutto nella scelta dei fornitori.

Da queste esigenze ha preso le mosse il progetto Capital Budget, in stretta collaborazione con Sinfo One nel ruolo di partner tecnologico. Obiettivo: tracciare i singoli appalti durante lo stato di avanzamento del cantiere, poterli visualizzare in modo analitico e aggregato, così da tenere sotto controllo l’utilizzo del budget.

Stime precise nel capital asset management immobiliare

Ora la direzione di Iperal può vedere in real time tutte le fatture legate alle diverse voci di budget ma anche effettuare un monitoraggio post budget, così da avere una visione completa di tutte le fasi di un’operazione immobiliare. Capital Budget consente di tenere sotto controllo tutte le attività e i costi connessi agli investimenti immobiliari, a cominciare dall’acquisto dei terreni.

I vantaggi sono più di uno. Il primo è quello di limitare le brutte sorprese alla fine dei progetti, grazie a previsioni più corrette sugli investimenti e alla individuazione dei fornitori migliori. Capital Budget, anche in un’ottica di analisi predittiva, sta consentendo a Iperal di avere stime precise e con esse una significativa riduzione degli sprechi nelle strategie di sviluppo immobiliare.

T

Gianluigi Torchiani

Articolo 1 di 4