Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Eset Secure Authentication: autenticazione via cellulare

pittogramma Zerouno

Eset Secure Authentication: autenticazione via cellulare

10 Ott 2014

di Patrizia Fabbri

Future Time, distributore esclusivo in Italia di Eset, ha lanciato sul mercato italiano Eset Secure Authentication, una soluzione di autenticazione di tipo “one time password Two-factor” basata su ambiente mobile e composta dalla app Eset Secure Authentication e da un application server per l’autenticazione di accesso alla Vpn dell’azienda e alla Owa (Outlook Web App).

Future Time, distributore esclusivo in Italia di Eset, ha lanciato sul mercato italiano Eset Secure Authentication, una soluzione di autenticazione di tipo “one time password Two-factor” basata su ambiente mobile e composta dalla app Eset Secure Authentication e da un application server per l’autenticazione di accesso alla Vpn dell’azienda e alla Owa (Outlook Web App).
Al contrario della password standard, l’autenticazione della soluzione Eset utilizza due elementi: una password o un codice Pin, e il cellulare.
L’utente, al momento di accedere da remoto alla rete aziendale tramite Vpn e Owa, riceve una password one-time sul proprio cellulare che viene poi usata per completare e rafforzare l’abituale processo di autenticazione. Come risultato, i dati e le risorse aziendali sono protette da intrusioni, dictionary attacks, individuazione delle password e altre forme di cybercrime.

Patrizia Fabbri
Giornalista

Patrizia Fabbri è giornalista professionista dal 1993 e si occupa di tematiche connesse alla trasformazione digitale della società e delle imprese, approfondendone gli aspetti tecnologici. Dopo avere ricoperto la carica di caporedattore di varie testate, consumer e B2B, nell’ambito Information Technology e avere svolto l’attività di free lance per alcuni anni, dal 2004 è giornalista di ZeroUno.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
App
C
Cybercrime
R
Rete
S
Server

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 3