Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Cloud Services: specialisti al vostro fianco

pittogramma Zerouno

Cloud Services: specialisti al vostro fianco

19 Set 2014

di Giampiero Carli Ballola

A Steve Robinson, responsabile dei servizi di piattaforma cloud, abbiamo chiesto di spiegarci perché, come dal suo intervento alla sessione generale, il ricorso al PaaS e a BlueMix dovrebbe migliorare la qualità del software rispetto alla media dello sviluppo in-house.

A Steve Robinson, responsabile dei servizi di piattaforma cloud, abbiamo chiesto di spiegarci perché, come dal suo intervento alla sessione generale, il ricorso al PaaS e a BlueMix dovrebbe migliorare la qualità del software rispetto alla media dello sviluppo in-house. “Perché – risponde – per creare un’applicazione complessa e full-featured occorre una somma di capacità specializzate di cui pochi team di sviluppo interno dispongono. I servizi cloud sono usati da comunità di sviluppatori che contribuiscono a migliorarne la qualità. Sono questi a fare da specialisti per voi, con capacità nelle varie aree funzionali superiori a quelle di un qualsiasi utente grazie all’esperienza accumulata”.

Steve Robinson, Responsabile dei servizi di piattaforma cloud, Ibm Rational

Ma, chiediamo, quali skill occorrono per sfruttare i servizi cloud? Occorre una metodologia speciale? “Le conoscenze tecniche di base, sui linguaggi e sulle architetture, come la Soa, sono le stesse maturate negli ultimi dieci anni di sviluppo interno, cambia però il modo di usarle e un po’ di formazione è necessaria. Come punto di partenza consiglio un white-paper, The Twelve-Factor App che si può scaricare da Internet [al sito http://12factor.net – ndr] che spiega i passi da compiere nel valutare i servizi PaaS e nel servirsene”.
Parlando di partenza, come conviene che un’impresa avvii una strategia di sviluppo cloud? “Con quello che io chiamo il modello Mickey Mouse: un cerchio grande, la ‘testa’, che rappresenta il nucleo di sviluppo interno e due cerchi piccoli, le ‘orecchie’, che sono i servizi cloud pubblici e privati. Maturando l’esperienza PaaS, la testa andrà a ridursi a favore di uno sviluppo dei servizi che io vedo diseguale, con il cloud pubblico in crescita rispetto a quello privato”.

Giampiero Carli Ballola
Giornalista

Giampiero Carli-Ballola, nato nel 1942 e giornalista specialista in tecnologia, collabora con ZeroUno dal 1988. Segue i processi di digitalizzazione del business con particolare attenzione ai data center e alle architetture infrastrutturali, alle applicazioni big data e analitiche, alle soluzioni per l’automazione delle industrie e ai sistemi di sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 3