PowerApps: l’asso di Microsoft nelle enterprise app

pittogramma Zerouno

PowerApps: l’asso di Microsoft nelle enterprise app

Un enterprise service basato sul cloud pubblico che fornisce agli utenti finali strumenti per crearsi da sé applicazioni mobile e web personalizzate, che integrano dati e funzionalità di sistemi eterogenei on-premises e SaaS. Agli sviluppatori resta più tempo per dedicarsi a creare nuove app e connettori ad hoc

07 Gen 2016

di Riccardo Cervelli

Fra tutti gli annunci di nuove soluzioni e preannunci di update a prodotti già esistenti, effettuati nel corso del recente evento Microsoft Convergence Emea a Barcellona (vedi articolo Microsoft aggiorna l’offerta per il customer engagement, ma non solo), quello che ha sicuramente intrigato di più gli astanti è stata l’introduzione di PowerApps. È stato per primo Chris Capossela, Executive Vice President and Chief Marketing Officer dell’azienda, a illustrare questa soluzione, durante il primo keynote, come una novità assoluta di Microsoft nel settore delle employee facing application. “Si tratta – ha sottolineato – di un cloud tool che consente ai power user di costruire autonomamente app mobile e web utili per il proprio lavoro e di condividerle in modo semplice con altri colleghi del proprio team”.

Chris Capossela, Executive Vice President and Chief Marketing Officer di Microsoft

Il lancio di PowerApps ha destato grande attenzione anche perché è la risposta più attuale dell’azienda di Redmond a un problema molto sentito da chi persegue la digital transformation nelle aziende: quello, cioè, di disporre di enterprise app che permettano di accedere in modo rapido, efficiente, integrato, multidevice e sicuro a tutte le risorse che servono per fare business. In quest’ottica di “time to market”, il mondo delle enterprise app è rimasto indietro di anni rispetto a quelli delle app consumer o delle app business fornite da singoli vendor di soluzioni o piattaforme SaaS (Software-as-a-service).

“PowerApps – ha aggiunto l’Executive Vice President and Chief Marketing Officer di Microsoft – consente di sbloccare tutti i dati disseminati nei sistemi aziendali on-premise e di sfruttarli in modo integrato, unitamente a quelli accessibili da piattaforme social o soluzioni SaaS”. In un incontro riservato a pochi giornalisti, Jean-Philippe Courtois, Microsoft International President, ha voluto poi rimarcare come “PowerApps rappresenti una delle novità che valorizzano il potenziale di Azure come un intelligent cloud”.

Jean-Philippe Courtois, Microsoft International President
WHITEPAPER
Le Application Programming Interface e il loro ruolo nella API Economy. La guida
Software
Application Lifecycle Management

Già, ma cosa propone esattamente PowerApps? Si tratta innanzitutto di un enterprise service fornito su Azure. Una volta entrati nel servizio attraverso il portale www.powerapps.com, i power user trovano funzionalità per visualizzare le applicazioni on-premise e SaaS cui hanno diritto di accesso, selezionare i dati o le liste di loro interesse, e costruire, tramite un visual designer, worklow automatizzati. Il risultato sono nuove app personalizzate, che possono essere condivise con altre persone come semplici documenti. Il tutto, dichiara Microsoft, richiede skill paragonabili a quelli necessari per un utilizzo un po’ esperto delle applicazioni Microsoft Office.

Cosa rende possibile questa facilità di integrazione? La soluzione PowerApps include già connettori e Api (Application programming interface) verso soluzioni diffuse come Microsoft Sharepoint, Office 365, Salesforce, Sap o Oracle database, installate on-premise o sul cloud. Altri connettori possono essere realizzati ad hoc dagli sviluppatori aziendali, “il cui ruolo – ha tenuto a sottolineare Courtois – non viene sminuito dall’empowering degli utenti, ma rafforzato, perché PowerApps (che include l’Azure App Service, la piattaforma di app integration lanciata da Microsoft agli inizi del 2015, ndr) valorizza tutti gli skill acquisiti nella programmazione con diversi linguaggi, proprietari e open source”. Da .Net a Java, a Php e Python.

Riccardo Cervelli

Giornalista

Nato nel 1960, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

PowerApps: l’asso di Microsoft nelle enterprise app

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4