Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Par-Tec: cloud e open source abilitano la costruzione di ambienti IT flessibili e sicuri

pittogramma Zerouno

Advertorial

Par-Tec: cloud e open source abilitano la costruzione di ambienti IT flessibili e sicuri

10 Ott 2017

di Divisione commerciale e marketing di Digital360

Sfruttare i benefici del cloud preservando un elevato grado di autonomia nelle scelte tecnologiche, garantendo interoperabilità, modularità e pieno controllo sui dati. Questa la promessa dell’azienda illustrata da Riccardo Fiano, Manager dell’area Sales & Accounting, BU Roma di Par-Tec

L’open source offre all’IT il compromesso ideale per sfruttare il cloud senza rinunciare al controllo sui propri dati. È su questa importante premessa che si basa l’operato di Par-Tec, azienda focalizzata sull’offerta di servizi di progettazione e deployment di infrastrutture IT.

“Vantiamo un’esperienza ultradecennale in quest’ambito, da anni ci occupiamo di erogare servizi a grandi data center service provider e non solo, basti pensare che un terzo del nostro fatturato è generato da clienti del mondo bancario”, ha dichiarato Riccardo Fiano, Manager dell’area Sales & Accounting, BU Roma di Par-Tec.

Par-Tec è Red Hat Premier Business Partner, ha ottenuto la specializzazione su Cloud Infrastructure e ha tra le sue risorse una trentina di persone certificate: “Siamo partner di Red Hat dal 2004, riteniamo che l’azienda – ha spiegato Fiano – abbia sempre mantenuto una visione molto chiara dell’evoluzione dell’infrastruttura ed è in grado di proporre un’offerta completa in ambito cloud”.

“I driver che favoriscono la transizione dai classici ambienti virtuali ai nuovi sistemi IT – ha continuato Fiano – sono due: da un lato, la possibilità di orchestrare le risorse sfruttando, a seconda delle esigenze, anche risorse su public cloud, adottando quindi un modello ibrido; e, dall’altro, l’esigenza di accelerare lo sviluppo delle applicazioni. Anche in questo caso il cloud permette quel continuous delivery di cui le aziende hanno bisogno e tutto quanto garantisca l’accorciamento del ciclo di produzione dei servizi in un ambiente aziendale dove, secondo i principi del DevOps, deve diminuire sempre più la separazione tra coloro che si occupano di infrastruttura e gli sviluppatori. A questo proposito – prosegue ancora il manager – notiamo un interessante paradosso, i più reticenti rispetto al cloud sono proprio coloro che si occupano di infrastruttura, mentre è il business a rilevarne l’esigenza, ma una volta che la gestione dell’applicazione è cloud aware sono proprio i responsabili delle infrastrutture a beneficiarne da vari punti di vista, a partire dal fatto che vengono liberate risorse da poter impiegare per fare innovazione. In tale contesto le soluzioni open source consentono di far evolvere la propria struttura preservando un elevato grado di autonomia nelle scelte tecnologiche, garantendo interoperabilità, modularità e così via”.

Par-Tec è parte attiva di molte comunità open source, mettendo a fattor comune le esperienze acquisite in progetti altamente innovativi, come quello realizzato su tecnologie cloud PaaS di Red Hat in partnership con Accenture per una PA centrale, che costituirà il sistema unico su cui convergeranno servizi e applicazioni di rilevanza nazionale. Ugualmente, risulta di grande portata anche il progetto basato su Red Hat OpenStack Platform che ha abilitato il principale operatore italiano di telecomunicazioni ad introdurre sul mercato un’offerta cloud IaaS che garantisce un elevato livello di personalizzazione, sicurezza e affidabilità.

Divisione commerciale e marketing di Digital360

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
Community Open Source

Articolo 1 di 3