Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Il Cloud d’Oltralpe, ecco chi premiano in Francia

pittogramma Zerouno

Casi di successo

Il Cloud d’Oltralpe, ecco chi premiano in Francia

07 Giu 2013

di Luigi Ferro da Digital4

C’è chi propone soluzioni PaaS che si adattano automaticamente alle performance richieste. Chi punta sull’open source. Chi a fornire una dashboard per tenere sotto controllo i costi del Cloud. I casi di successo segnalati da Journal du Net

Una ha ricevuto il premio come migliore start up in assoluto nel settore del Cloud e l’altra è quella che può vantare la migliore offerta per quanto riguarda la nuvola. 

Sono due delle imprese premiate da EuroCloud l’associazione francese che da sette anni assegna dei riconoscimenti alle start up che si distinguono sul fronte dell’innovazione.

Favorito da un mercato dei capitali molto più dinamico rispetto all’Italia, in Francia il settore delle neo aziende tecnologiche è molto attivo.

Per questo Journal du Net, la storica testata transalpina che da anni racconta l’evoluzione della Toile (così i francesi, avversi agli anglicismi, chiamano la rete), oltre a raccontare cosa facciano le due aziende premiate ne ha aggiunte altre a un eleneco che dimostra la vitalità della nuvola francese.


CleverCloud: disponibilità sempre garantita
Soluzione di Platform as a service che permette di ospitare applicazioni in un ambiente server multilanguage (PHP, Java, Ruby…), Clever Cloud offre su richiesta anche delle banche dati. Alta scalabilità e pagamento a consumo sono le caratteristiche principali della proposta della società lanciata in ottobre e che è sostenuta dal fondo Kima Ventures.

Clever Cloud ha sviluppato una soluzione che, adattandosi automaticamente, permette di offrire le performance necessarie alle applicazioni e ai siti ospitati garantendone sempre la disponibilità anche in caso di picchi di traffico.  Bnp Paribas è una delle principali referenze della società che permette anche di consultatore un comparatore che simula i costi dell’hosting delle applicazioni. Sul fronte della sicurezza, tutte le applicazioni utilizzano il protocollo di sicurezza Https.


Evanence: il Cloud in salsa open source
Creata per rispondere a una lacuna del mercato dell’hosting, Enovance ha costruito un’offerta basata sulle migliori tecnologie open source, in un ambiente affidabile, controllato, sicuro e flessibile. Con questa motivazione è stato assegnato il riconoscimento a Enovance che dal 2008 ha iniziato a proporre soluzioni tradizionali per siti e applicazioni per allargare poi nel 2012 la sua offerta al Cloud pubblico con eNoCloud.

Specializzatasi nell’offerta di Open Stack, secondo un’indagine offre il Cloud più performante di Francia, possiede circa duecento clienti, ha una crescita annua superiore al 60%, un dato che la piazza di diritto nella classifica delle società più promettenti.


Pricematch: prezzi degli hotel in base alla domanda
Fin qui le premiate di Euroclud, ma Journal du Net ha voluto dire la sua citando anche Pricematch. Si tratta di una società creata nel gennaio 2012 che propone un sistema di Yeld management (la gestione dei ricavi) per permettere agli hotel o alle catene di adattare la loro politica tariffaria in funzione della domanda.

La previsione della domanda di ospitalità è un aspetto chiave dell’offerta di Pricematch che utilizza un algoritmo per prevedere la domanda e fornire consigli sull’evoluzione dei prezzi. Settanta hotel indipendenti hanno già aderito all’offerta che punta a raccoglierne circa trecento. Una versione freemium di questa piattaforma SaaS è prevista entro questo mese.


Nuage Labs: da un Cloud all’altro senza vincoli
Nell’ottobre 2011 è stata invece fondata Nuage Labs che in maggio ha lanciato il suo primo prodotto per il Cloud battezzato Cloud Gateway. Si tratta di una soluzione che permette di importare qualsiasi servizio di Cloud storage su un server senza dover fare ricorso alle API. In più permette di passare i dati da un servizio di Cloud all’altro senza vincoli. La versione Piccola Impresa è disponibile a 39 euro mensili, mentre la versione Enterprise con unzioni avanzate costa 199 euro ogni mese.


Teevity: i costi del Cloud sotto controllo
Il controllo dei costi è l’oggetto dell’avventura imprenditoriale di Teevity, stat up fondata nel gennaio dello scorso anno. Cloud Cost Analytics è la soluzione che permette di tenere sotto controllo i costi e l’utilizzo dei servizi Cloud e SaaS utilizzati in un’impresa.

Il CIO in tempo reale può controllare tramite una dashboard l’andamento dei servizi Cloud con la possibilità dichiedere consiglio a Teevity per utilizzare al meglio i vari servizi e ottimizzare i costi. L’offerta è freemium ma alcune funzioni come quelle di ottimizzazione sono a pagamento.

Queste e altre aziende sono gli attori di un mercato che secondo IDC nel 2012 ha raggiunto 1,96 miliardi di euro con una crescita del 46%. Per quest’anno, invece, il mercato transalpino della nuvola dovrebbe aumentare ancora del 35% per arrivare nel 2016 a pesare per il 12% sul totale delle spesa informatica francese.

Il 26 giugno verranno invece presentati i dati della Ricerca 2013 dell’ Osservatorio Cloud & ICT as a Service della School of Management del Politecnico di Milano.

Luigi Ferro da Digital4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link