Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Intelligenza artificiale e sicurezza: ecco perché IFOM ha scelto Darktrace

pittogramma Zerouno

News

Intelligenza artificiale e sicurezza: ecco perché IFOM ha scelto Darktrace

IFOM ha implementato l’intelligenza artificiale di Darktrace per proteggere i dati sanitari dei pazienti ma anche i risultati delle ricerche scientifiche all’interno del proprio centro di ricerca a Milano

16 Ago 2019

di Redazione

IFOM (Istituto di Oncologia Molecolare), centro di ricerca italiano per lo studio della formazione e dello sviluppo dei tumori a livello molecolare, ha scelto l’intelligenza artificiale di Darktrace per difendere i propri programmi di ricerca dagli attacchi informatici.

Con sede a Milano e fondato dalla FIRC (Fondazione Italiana per la Ricerca sul Cancro), IFOM ha il compito di indagare lo sviluppo cancerogeno a livello molecolare. La ricerca multidisciplinare dell’Istituto sta contribuendo notevolmente alla conoscenza del cancro e all’individuazione di una cura in tempi più rapidi, tuttavia il lavoro dei 600 ricercatori che operano nei suoi laboratori è sempre più a rischio in un mondo in cui i dati possono essere compromessi con estrema facilità.

“Per noi, un attacco informatico potrebbe comportare che una nostra ricerca finisca nelle mani di persone malintenzionate o, peggio ancora, che un attacco ransomware ci porti a perdere per sempre l’accesso a tutti i dati di uno studio” ha sottolineato Igal Janni, Chief information officer di IFOM.

Per rispondere all’aumento degli attacchi informatici, IFOM ha implementato l’intelligenza artificiale di Darktrace per proteggere i dati sanitari dei pazienti ma anche i risultati delle ricerche scientifiche all’interno del proprio centro di ricerca a Milano. L’intelligenza artificiale è ora in grado di osservare l’attività sulla rete digitale di IFOM e individuare gli eventi anomali più sottili e sospetti. Un potenziale attacco informatico, che prima dell’adozione di Darktrace richiedeva giorni per poter essere individuato, oggi può essere identificato e segnalato in pochi secondi come comportamento minaccioso.

“La sicurezza informatica – ha concludo Janni – è fondamentale per il nostro lavoro. Con l’intelligenza artificiale di Darktrace al timone, i nostri ricercatori potranno continuare a fare scoperte in grado di cambiare la vita delle persone, sapendo allo stesso tempo che il loro lavoro è protetto da un sistema immunitario digitale”.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

I
Intelligenza Artificiale
Settore Sanità
Intelligenza artificiale e sicurezza: ecco perché IFOM ha scelto Darktrace

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4